Commenta per primo
Pochi minuti fa, sul palco del Teatro dei Differenti di Barga, in Garfagnana, Massimo Moratti ha ricevuto il premio speciale 2010 "San Cristoforo d'oro" per le attività di Inter Campus. È stato il sindaco Marco Bonini che ha consegnato al presidente nerazzurro una scultura in bronzo, realizzata per l'occasione da Pomodoro, con la seguente motivazione: "C'è una squadra che non cerca star, ma solo bambini bisognosi; c'è un campionato che non premia campioni, ma che si svolge in 21 Paesi per restituire il diritto al gioco ai più sfortunati".

Commosso dall'affetto della gente che ha affollato il teatro e il centro del borgo (il Comune di Barga si prende cura della villa che ha ospitato Giovanni Pascoli ai Caproni di Castelvecchio), Massimo Moratti ha ringraziato e spiegato: "Inter Campus nasce dall'idea semplice che, in un modo dove circolano tanti soldi come quello del calcio, con molto poco si può far felice delle persone. Noi ci abbiamo pensato e ci proviamo sempre, con molta naturalezza e con la bravura delle persone che lavorano, con affetto, a Inter Campus".

Inevitabile qualche domanda più strettamente calcistica: "La scorsa stagione è stata fantastica e me ne rendo conto mentre passano i giorni e grazie all'affetto dei tifosi, dalla felicità della nostra gente. Per la stagione che stiamo preparando il nostro obiettivo è quello di ripeterci con un allenatore che darà nuovi stimoli, anche se il gruppo è molto forte. Il mercato? Chi esce e chi entra non lo so neanch'io, leggo i giornali come tutti voi...".