Commenta per primo

Alla Fiorentina scoppia l'ennesimo caso Mutu. L'attaccante romeno non farà parte della lista dei convocati da Mihajlovic per la trasferta di Bologna, dove al suo posto giocherà Lijac.
Dietro all'esclusione ci sarebbero motivi di mercato: secondo una clamorosa indiscrezione raccolta da calciomercato.com, Mutu si sarebbe già accordato con il Cesena! Resta ancora da capire la posizione del club viola.

"Con la Fiorentina rottura totale e definitiva, la società ha cambiato le carte in tavola". Queste le parole di Becali, l'agente che conferma l'indiscrezione di calciomercato.com.
Becali terrà una conferenza stampa venerdì e ha anche confermato che Mutu può andare a Cesena, ma la Fiorentina vorrebbe cederlo a un club italiano solo per soldi. All'estero invece Mutu poteva andarsene a parametro zero. Naturalmente il Cesena come ha confermato Minotti lo può prendere solo a parametro zero.
Mutu oggi pomeriggio ha ricevuto la telefonata di Becali, che annunciava la rottura con la Fiorentina proprio mentre si stava spogliando per andare in campo per l'allenamento.
Si parla di clamoroso litigio sempre oggi pomeriggio di Mutu con Corvino e Della Valle.

Ecco il comunicato ufficiale della Fiorentina:
"Il Calciatore Adrian Mutu ha oggi unilateralmente e senza dare alcuna giustificazione abbandonato la seduta di allenamento.
Tale improvvisa decisione, che provoca anche un danno agonistico alla società Fiorentina, atteso che il mancato odierno allenamento rende non convocabile il calciatore per la delicata trasferta di Bologna, ha fatto seguito ad un incontro tra la Società ed il rappresentante del giocatore nel quale si è discusso del futuro di quest’ultimo.
Tale atto di insubordinazione e di mancato rispetto della Maglia e della Squadra, buon ultimo di una sequela di comportamenti analoghi costantemente perpetrati dal calciatore Mutu, costringono la società Fiorentina a riservarsi ogni azione in ogni sede, federale e civile".

La tifoseria nel frattempo è in subbuglio: "Ci sentiamo presi in giro, la Fiorentina non può perdere un giocatore di questo livello. Eravamo sicuri che la società avrebbe rinforzato la squadra..." questo il laconico commento del Presidente del Centro Coordinamento Viola Club, Filippo Pucci.