Commenta per primo

Il difensore del Napoli Miguel Angel Britos fa il punto su questo inizio di campionato degli azzurri ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli. 'Siamo partiti molto bene, stiamo assimilando al meglio le idee del tecnico - afferma il giocatore -. Certo, qualche meccanismo difensivo dobbiamo ancora migliorarlo: con il Chievo ho sbagliato anch'io. Questa settimana stiamo lavorando molto su questo aspetto. Mazzarri e Benitez? Due allenatori completamente diversi, a partire dal sistema di gioco. Il primo giocava più sugli esterni e col lancio lungo, lo spagnolo invece ama giocare la palla a terra e fare possesso. Quest'anno siamo ancora più consapevoli delle nostre forze e giocando così possiamo fare meglio degli anni scorsi. Con la difesa a quattro io mi trovo bene: giochi nella tua zona di competenza e segui l'uomo solo in quella frazione di campo. Con Albiol, poi, siamo al sicuro: è un grande campione, ha tanta esperienza e lo dimostra la sua tranquillità quando gioca. Higuain? E' forte davvero, e che ora sta riprendendo la forma fisica ottimale farà ancora meglio: è certamente diverso da Cavani ma è ugualmente forte, speriamo possa fare ancora più goal del Matador'.

'Lo scudetto? Oltre a noi ci sono tante altre squadre che si sono attrezzate in questo calciomercato, come la Roma: sarà un campionato molto equilibrato - prosegue l'uruguaiano -. La Champions? Ho una gran voglia di giocare la prima col Borussia Dortmund: due anni fa questo torneo l'ho visto dalla tribuna perchè ero infortunato. Lo sfogo di Cannavaro? Paolo ha ragione: qui a Napoli la gente vive di calcio ma spesso si parla troppo e in maniera inopportuna. La Nazionale? Sinceramente io ci spero sempre, ma ogni giorno che passano le speranze diminuiscono. Pochi giorni fa è stato convocato un giovane dell'Under 20, ormai penso sia dura per me, ma la speranza è l'ultima a morire: Tabarez ha la capa tosta (ride, ndr)'.