Commenta per primo
Il nome di Aladino Valoti, direttore sportivo, è stato accostato a quello del Napoli. Potrebbe essere lui il nuovo dirigente della Primavera azzurra, con Grava che resterebbe il responsabile del settore giovanile. Così lo stesso Valoti ha parlato di quest'ipotesi ai microfoni di Radio Punto Nuovo:

L'OCCASIONE - "Primavera del Napoli? C'è stato un contatto qualche mese fa. È una delle riflessioni che il Napoli sta facendo per provare a mettere una nuova figura nel settore giovanile. È una cosa ancora da decidere, al momento il Napoli ha altre priorità vista anche la situazione del momento. Ancora non si è parlato di niente, però vorrebbero inserire una figura che si occupasse solo degli aspetti tecnici ed organizzativi della Primavera".

LAVORARE CON I RAGAZZI - "Faccio il direttore sportivo da anni, 12 anni all'Albinoleffe dove abbiamo cercato di fare un settore giovanile, facendo un centro sportivo e lavorando su ragazzi di prospettiva. Il territorio ci ha creato qualche difficoltà, ma non ci ha mai spaventato. So che la Campania offre molto e il Napoli ha sempre sfornato talenti, tutt'ora ce ne sono".
NAPOLI - "Progetti con la Primavera del Napoli? C'è stata una chiacchierata per provare a ragionare su una figura nuova, ma poi si è bloccato tutto. Non sono stati affrontati altri discorsi, non c'è stato né tempo né modo di incontrarsi e fare ragionamenti. In questo momento ci sono altre necessità. L'annata è andata male e neanche il cambio ha dato la scossa che si sperava. La squadra che ho visto, ha espresso anche qualcosa di buono, ma la scelta ponderata dalla società è quella di provare a fare qualcosa di mirato".

IL CALCIO AL SUD - "Nel calcio di oggi si sta pensando alla Primavera come una seconda squadra, anche il Napoli vorrebbe intraprendere questo percorso. Non conosco la realtà di Napoli, conosco Palermo e posso immaginare siano due realtà che si avvicinano. Sono sceso con un po' di diffidenza dal Nord verso il Sud, avendo fatto metà carriera al Nord, poi mi sono detto che peccato non esserci arrivato prima".

PROSSIMI CONTATTI CON IL NAPOLI - "Me lo auguro, la mia disponibilità c'è. È anche vero che le esigenze di salute, di lavoro per quello che sta succedendo nell'ambiente del calcio, distraggono un po'. C'è gente rimasta a spasso, la priorità adesso è ripartire e fare il campionato in un certo modo".