9
Il ritorno, certificato, di Adam Ounas, rispedito al mittente dal Nizza nelle ultime ore, aumenta la truppa dei possibili giocatori in partenza nel reparto offensivo del Napoli. Andiamo caso per caso: Mertens e Callejon sono quelli con il contratto in scadenza 2020 e con la situazione più difficile da affrontare. Per il belga, nelle ultime ore, si affaccia l'ipotesi Milan, anche se risulta difficile ipotizzare che il club rossonero possa spingersi a soddisfare le richieste di Dries. Mertens per rinnovare con il Napoli chiede un biennale di 4 milioni più un bonus alla firma anche basso grazie ad una compartecipazione ai diritti d'immagine: il presupposto di tutto questo è la cancellazione delle conseguenze economico-legali (non delle multe) derivanti dall'ammutinamento dello scorso 5 novembre. Il Napoli resta la priorità: Inter e Chelsea, però, insistono e visto che ADL è fermo a 3 milioni di offerta base e non vuol parlare di cancellare le conseguenze delle multe, allora il club di Londra che, già a gennaio voleva acquistarlo, sembra essere in testa per la sua acquisizione a parametro zero. Per Callejon ci sono le stesse difficoltà legate all'ingaggio, con diverse squadre spagnole pronte ad acquisirlo pagando ingaggio e commissione all'agente Quilon, oltre un bonus all'arrivo.
LE ALTRE POSIZIONI. Se Insigne e Politano sono saldamente nell'organigramma, per tutti gli altri attaccanti ci sono forti dubbi sulla permanenza. Llorente, lasciato ai margini da Gattuso, è quasi certo di anticipare il suo addio al Napoli rispetto alla scadenza del 2021: il club punta a risparmiare i 2.5 milioni a stagione, lasciando anche libero lo spagnolo di scegliersi la prossima destinazione, senza puntare, ovviamente, a monetizzare. Ounas ha mercato in Francia dopo una stagione altalenante ma con punte di positività a Nizza: probabile un prestito, forse biennale, con obbligo di riscatto per consentire all'eventuale club transalpino di consolidare le casse societarie dopo il ciclone Covid-19. Per Milik, con scadenza nel 2021, il rinnovo è sempre più lontano: lo Schalke 04, l'Atletico Madrid ed un altro paio di soluzioni, anche in Italia, sono possibili. Il Napoli, però, deve capire che pretese avere per un giocatore che può perdere a zero nel gennaio del 2021: al momento, l'asticella del prezzo, tendente verso il basso, si sta stazionando sui 40 milioni, ma con la necessità di trattare. Se per Younes si cercherà una soluzione a basso costo, per sgravare il monte-ingaggi del milione e mezzo ma anche per realizzare una plusvalenza (non corposa) da mettere a bilancio. Il punto dolente è il futuro di Lozano: ADL vorrebbe continuare a scommettere sul calciatore più costoso della storia del Napoli (50 milioni con le commissioni) e con un ingaggio da 4.5 milioni a stagione, mentre l'area tecnica nutre qualche dubbio in più. Alla ripresa ci sarà un confronto anche con l'agente, Mino Raiola, che determinerà il futuro: se dovesse esserci un'offerta clamorosa, sarà addio (al momento difficile come scenario), in caso contrario si tornerà a discutere.