3
In attesa della ripresa, ma allo stesso tempo in fermento. Sono settimane intense in casa Napoli: c’è da preparare la squadra per il ritorno in campo, intanto si programma la prossima stagione. Ci sarà una mezza rivoluzione, tanti reparti saranno modificati dal mercato. In attacco le uniche certezze si chiamano Dries Mertens, ad un passo dal rinnovo, e Lorenzo Insigne. Poi Petagna e Politano, acquistati a gennaio. Per tutti gli altri, compreso Callejon, nulla è ancora deciso. Tra i profili osservati dal ds Giuntoli per il reparto offensivo ne spicca uno, che accende la fantasia dei tifosi, forse perché brasiliano. Dopo Careca, Everton Soares potrebbe rinfrescare la colonia verdeoro a Napoli.

APERTURA - Che l’esterno piaccia, e molto, al club azzurro, non è un mistero. Poche ore fa è tornato a parlare Romildo Bolzan, presidente del Gremio: “30 milioni per cederlo? È un valore vicino alle aspettative che avevamo. Vorremmo trattenere Everton - ha detto a Radio Gaucha - ma in questo momento lo scenario è cambiato. Il club potrebbe avere la necessità di fare una cessione. Ma non abbiamo alcuna proposta sul tavolo. La conversazione tra i rappresentanti del giocatore e il Napoli ha avuto luogo più di un mese fa e non abbiamo mai ricevuto un'offerta dagli azzurri”.

SFOLTIRE - Everton interessa, e tanto, al Napoli, ma al momento passi concreti non ce ne sono stati. Chiacchiere e discorsi tra Giuntoli e l’entourage del giocatore ce ne sono, ma il ds è in attesa. Prima di completare altri acquisti, dopo Politano e Petagna, bisognerà sfoltire. Younes è nella lista dei cedibili, lui come Ounas, che rientrerà dal prestito al Nizza. Poi andrà chiarita una volta per tutte la posizione di Callejon: non è da escludere un rinnovo dell’ultim’ora per lo spagnolo.
IL PIANO - Everton arriva dopo queste, necessarie, operazioni. Una trattativa che, sebbene il Gremio difficilmente farà resistenze (ha bisogno di vendere), potrebbe non essere semplice. Il cartellino del brasiliano è detenuto al 50% dal Gremio, poi 30% dal suo agente, Gilmar Veloz, e il restante 20% diviso equamente da investitori del club e il Fortaleza, la squadra in cui è cresciuto. Andrà formulata insomma una proposta che accontenti tutti: 30 milioni come base di partenza, ma il Napoli proverà ad ottenere uno sconto. Per regalare un nuovo attaccante verdeoro al San Paolo.

@andreasereni90