19
Marek Hamsik, capitano del Napoli, attraverso il suo sito ufficiale analizza quello che è stato il 2018 dei partenopei e personale, con un occhio, però, già al 2019: "Abbiamo iniziato il 2018 al primo posto in classifica, giocando un ottimo calcio. Ma non siamo riusciti a sfruttarlo e la Juventus ha vinto il titolo. Ma ricorderemo il bentornato riservatoci dai tifosi dopo aver vinto a Torino con la Juventus. Quasi 25 mila tifosi ci aspettarono all'aeroporto, fu molto bello. Ora siamo al secondo posto, ma abbiamo nove punti di distanza dalla Juve. Restano ancora 19 partite fino al termine della stagione, tutto è possibile".

SULLA CHAMPIONS - ""Abbiamo giocato grandi partite contro squadre forti nel girone. Siamo riusciti sempre a fare buone prestazioni, ma non è stato abbastanza. Ora proseguire nell'Europa League, competizione in cui vogliamo andare il più lontano possibile".
SU ANCELOTTI - "Sia lui che Sarri sono due allenatori fantastici. Mister Sarri ha fatto un ottimo lavoro, per tre anni abbiamo giocato un bel calcio, che tutti in Europa hanno ammirato. In estate poi c'è stato il cambio ed è arrivato Ancelotti, che ha già vinto molto in Europa. Abbiamo cambiato il nostro modo di giocare, ma stiamo andando bene e riusciamo ancora a mostrare un buon calcio".

SUL 2019 - "La cosa più importante è la salute, sia a me che alla mia famiglia serve stare bene. E poi sarei felice di vincere un trofeo col Napoli. Attualmente siamo in corsa in Serie A, in Coppa Italia e in Europa League. Il 2019 sarà importante e impegnativo, anche per la nazionale".