2
A Radio Marte è intervenuto Giorgio Perinetti, dg del Genoa: “Preziosi è sempre attivo e ogni operazione viene fatta di comune accordo con la società. Abbiamo cambiato allenatore e dovevamo assecondare le esigenze del nuovo tecnico. E’ vero che ho sempre detto che non si muoveva nessuno, ma il mercato è fatto di dinamiche. Così come il Milan non si è potuto opporre alla volontà di Higuain, il Genoa non si è potuto opporre alla volontà di Piatek.
C’è stata una chiacchierata tra Preziosi e De Laurentiis per Piatek, ma noi ci siamo opposti perché non volevamo cederlo. Poi con la sua cessione al Milan abbiamo realizzato una plusvalenza importantissima e il tesoretto è stato reinvestito e Sanabria è anche più giovane di Piatek. 
Kouamè? Se n’è parlato, ma il Napoli ha deciso di non fare più nulla e siamo felici che il ragazzo non ne sia uscito distratto. Non c’è distanza tra Napoli e Genoa, dovevamo riparlarne e non se n’è più parlato. Le trattative nascono, ma possono anche non concludersi.
Lapadula? Ha preferito giocarsi le sue carte qui e alla luce dei fatti in questi mesi ha avuto poche possibilità per cui a gennaio gli abbiamo chiesto se voleva andare altrove, ma no, lui vuole giocarsi le sue chance nel Genoa. 
Solo il tempo dirà se il Napoli avrà fatto bene o male a tenere Allan. Il ragazzo può non essere felicissimo del mancato approdo al Psg, ma gioca sempre nel Napoli e non è poco e sono certo che continuerà a fare bene".