Commenta per primo
Kalidou Koulibaly, difensore del Napoli, dopo il pareggio ottenuto sul campo della Roma è intervenuto al microfono di Dazn: "E' un buon punto. Difficile vincere tutte le partite. Siamo venuti qui sapendo che la Roma volesse reagire, noi siamo contenti di aver difeso bene la porta contro una squadra forte. Abbiamo fatto una grande partita, avevamo anche fatto gol, peccato per il fuorigioco".

Come ti trovi con Rrahmani?
"Possiamo sempre imparare da tutti. Dobbiamo tenere la rete inviolata perché davanti possono fare gol in qualsiasi momento. Avere questa solidità, venire qui a Roma e non subire gol non è da tutti. Amir è un gran difensore e l'ha dimostrato già l'anno scorso. Poi che ci sia lui, Manolas o Juan Jesus noi dobbiamo lavorare insieme per mantenere la rete inviolata".

C'è tanto sacrificio l'un per l'altro nella vostra squadra.
"Vogliamo sacrificarci per tutti. Fabian ha fatto un rientro molto bene, tutti i calciatori sono a disposizione della squadra. Nessuno è egoista, siamo un gruppo che vive molto bene e in campo si vede. Dobbiamo rimanere uniti fino alla fine".
Nello spogliatoio pensate allo scudetto?
"E' troppo presto. Anche se abbiamo vinto tutte le partite finora con questo pareggio non siamo più in vetta da soli, c'è il Milan. Per il momento vogliamo solo vincere tutte le partite che possiamo, per lo scudetto si vedrà a marzo-aprile".

Cosa provi a indossare la fascia di capitano quando non c'è Insigne?
"E' un grande orgoglio. Sono da anni al Napoli e tutti hanno fiducia in me. E' un onore essere il capitano alle spalle di Lorenzo, ma Insigne è il primo. Napoli è una città che è nel mio cuore e mi fa molto piacere indossare la fascia".