1

Poi ci sono quelli che lavorano più in silenzio, con cifre discrete ma comunque significative. Su tutti, c’è José Callejon. Un lavoro nell’ombra continuo, per lo spagnolo, che tatticamente è indispensabile per i movimenti in fase difensiva del Napoli. Ma è da tempo che ha smarrito l’efficacia offensiva del primo anno in azzurro. Solo a fine 2015 è arrivato il primo gol in campionato. Ma per Sarri non conta: il lavoro che fa Callejon è indispensabile, tanto da non voler rinunciare a lui neanche sotto tortura.