3

Ceduto all'ultimo minuto del calciomercato. Marco Donadel, centrocampista del Napoli da tre anni in azzurro senza alcuna fortuna, sembrava destinato a restare. 'Schiavo' di un ingaggio da ben un milione a stagione, per lui non erano arrivate richieste. Proprio lo stipendio, infatti, rappresentava un freno per i club medio-piccoli che potevano avere interesse per il centrocampista.

Ma l'agente del giocatore ha sfoderato una mossa inaspettata: a 10 minuti dalla fine delle trattative ha messo alle strette il d.s. del Napoli Bigon presentando una richiesta del Verona. Prestito secco, gratuito e perfino con ingaggio totalmente a carico dei partenopei (salvo tasse e indennizzi minimi). La prima risposta di Bigon è stata un 'no', in quanto l'affare era ovviamente anti-economico. Però di fronte alla prospettiva di tenere il calciatore fermo, fuori rosa e con lo stipendio pagato, il dirigente ha valutato che tanto valeva mandarlo a giocare, con la 'speranza' che il calciatore possa mettersi in luce e quindi tornare finalmente appetibile e liberare il club dell'oneroso ingaggio, che scadrà solo nel 2015.