Commenta per primo

Gli hanno chiesto, nei giorni dell'iperbole da Champions, se si sentiva il nuovo Maradona del Napoli e lui, sincero nella modestia dei grandi, ha solo detto: no, io sono Lavezzi. Sono anni, ormai, che si cantano le sue virtù di pedatore istintivo, dotato di una fantasia che giustamente fa ricordare i grandi Piedi Buoni del passato, ma nel tempo - pur cercando protagonisti 'storici' cui accostarlo - ci siamo convinti della sua genuina originalità.

Nessun altro ci ha fatto vedere di possedere la forza e l'abnegazione di un gregario e insieme la classe e i piedi divini di un campione. A questo punto, un Napoli capace di tutto. Un Napoli che, come ai bei tempi, ha ritrovato umiltà, grinta e solidità. Bravi tutti, bravissimo Dzemaili. Si pensava che i rincalzi fossero di qualità medio-bassa. Balle, sono tutti titolari intorno a Titolarissimi.

(Il Roma)