2

Napoli-Roma


Napoli:


Ospina 6,5: non sbaglia un intervento, puntuale nelle parate e nelle uscite. Ormai è una sicurezza lì tra i pali.

Di Lorenzo 6: La spinta non è la solita ma è attento lì dietro. Sul finale soffre la freschezza di El Shaarawy.

Rrahmani 6,5: Abraham ha delle doti atletiche importanti e non è facile stargli dietro. Lui ci riesce, lo anticipa ed è bravo con chiusure tempestive.

Koulibaly 7: solito gigante, nell'uno contro uno non viene mai superato. Il Napoli non può fare a meno del suo leader difensivo.

Mario Rui 6: nel primo tempo è più bloccato perché Zaniolo spinge bene e ha un passo importante. Fatica un po' ma nella ripresa cresce tantissimo in entrambe le fasi.

Anguissa 6: come al solito è prezioso nel gioco fisico, di interdizione. Un po' meno quando c'è da fare l'ultima scelta sulla trequarti avversaria.

Fabián Ruiz 6,5: la Roma ci mette intensità e lui non ha vita facile, deve giocare il pallone in maniera rapida ma ci riesce facendo girare la squadra.

Zielinski 5: ha voglia di fare, si muove ma si perde quando ha palla tra i piedi, suo punto forte solitamente. Troppi errori tecnici che danno via più volte alle ripartenze della Roma (26' s.t. Elmas 6: ingresso positivo, si muove bene tra centrocampo e attacco ma con la Roma molto chiusa è difficile trovare spazi).

Politano 6: con il suo mancino a rientrare Vina ha qualche difficoltà. Molto prezioso nel ripiego difensivo (26' s.t. Lozano 6: entra per dare una soluzione differente, con i suoi allunghi in profondità e tiene in apprensione il reparto arretrato giallorosso).

Osimhen 5,5: serata difficile, Mancini e Ibanez gli si attaccano addosso senza farlo respirare. I compagni lo servono poco e non entra tanto nel vivo dell'azione.

Insigne 6: inizio difficile, è costretto ad accentrarsi di più per giocare con maggior continuità palla. Ci riesce ed ispira le azioni del Napoli, va vicino anche al gol nel primo tempo (36' s.t. Mertens s.v.).


Spalletti 6: il ritorno all'Olimpico non può che avere un sapore speciale per lui. Tra i fischi e le offese risponde con un saluto. Serata complicata, la Roma gioca d'intensità e sa chiudere in tempo gli spazi. Si ferma la striscia vincente del suo Napoli e ora il primo posto va diviso con il Milan.