10
Un Napoli giovane, non eccessivamente costoso ma allo stesso tempo molto competitivo. De Laurentiis è riuscito nel suo obiettivo, ripartendo da una squadra che sta dimostrando di essere ancora più forte rispetto allo scorso anno. Nessuna necessità di intervenire in maniera concreta nel mercato di gennaio, a meno che non parta qualcuno. Non ci saranno delle vittime sacrificali, quindi i calciatori considerati "top" non si muoveranno. Differente il discorso per chi sembra esser ai margini, come Diego Demme. Poco più di 20 minuti collezionati dal tedesco che il prossimo mese potrebbe decidere di andar via. Chiaramente servirà trovare una sistemazione e il giusto accordo economico, perché il Napoli non ha intenzione di svendere.
C'È ILIC - Nel frattempo il ds Giuntoli si guarda attorno. Diversi i nomi per il centrocampo, tra cui c'è anche quello di Ivan Ilic, classe 2001 di proprietà del Verona. Negli anni tra i due club ci sono state trattative che hanno portato ai piedi del Vesuvio giocatori che sono diventati importanti, tra cui gli ultimi Jorginho e Rrahmani. In virtù dei buoni rapporti tra le società potrebbe nascere una trattativa proprio per Ilic. Il gradimento da parte del Napoli c'è, l'affondo non ancora. Servirà un'offerta congrua, non meno di 15-20 milioni con il 10% dell'incasso per gli scaligeri che andrà nelle casse del Manchester City (visto il diritto sulla percentuale di rivendita). Il Napoli, per abbassare il prezzo, potrebbe inserire nella trattativa Alessio Zerbin, esterno classe '99 che è stato seguito la scorsa estate proprio dal Verona. L'obiettivo Ilic per il Napoli non è ancora concreto e sarebbe un'idea interessante per la prossima estate, ma l'eventuale partenza di Demme cambierebbe le carte in tavola.