Commenta per primo

L'ex portiere azzurro: "Devo delle scuse a Cannavaro e Grava per averli portati all'inferno. Ho fatto un'incredibile sciocchezza: sono stato ingenuo, non traditore. Ho pensato di farla finita però non ho avuto il coraggio. Sono devastato, ma la sentenza mi ha tolto un peso: non ho mai scommesso, posso urlarlo".