Qualcosa non va, per Alex Meret. Uno degli acquisti estivi del Napoli, uno degli enfant prodige della porta, uno al quale erano affidate (al pari di Gigio Donnarumma) le speranze per il dopo Buffon, è ancora ai box per l'infortunio alla spalla dell'11 luglio. Prelevato dall'Udinese in estate per recitare un ruolo da protagonista, il classe '97 ha ancora dolore e i tempi di recupero sono pronti a dilatarsi. 

LE CONDIZIONI - Come scrive il Mattino oggi, il callo osseo, ovvero quel tessuto di riparazione che si riscontra tipicamente in seguito a una frattura che ricostituisce l’integrità e le normali caratteristiche biomeccaniche del segmento scheletrico lesionato, non si è ancora del tutto ricostituito e il club partenopeo non vuole correre rischi, così come il ragazzo, descritto terrorizzato dall'idea di un nuovo stop. 72 giorni da quello scontro il giovane Mezzoni a Dimaro, 72 giorni di stop che non vedono ancora la luce. Con il giovane Meret che aggiunge altri giorni di stop alla propria collezione personale. 

TUTTI GLI INFORTUNI -  Lo scorso anno 68 giorni alla Spal per un infortunio alla spalla (da aprile a fine campionato, 4 gare di stop) più 129 per un problema muscolare (perse 17 partite, da agosto a dicembre, con prima gara in campionato disputata il 28 gennaio 2018 contro l'Inter); l'anno prima un mese out per una frattura al polso che gli costò 4 gare di stop. E ora i tempi che si dilungano anche a Napoli.