Commenta per primo
Il rinnovo di contratto per il forte difensore casertano tarda ad arrivare, ma il popolo azzurro lo vuole vedere a lungo in maglia azzurra. Gianluca Grava, difensore casertano classe '77 che dal gennaio 2005 ha sposato la causa azzurra, è reduce da una stagione entusiasmante con la maglia del Napoli. Rispolverato da Mazzarri e lanciato in prima squadra al posto di Contini, ha risposto alla grande alla chiamata del mister superando di gran lunga le più rosee aspettative. Grava si è imposto in campo con le sue prestazioni e grazie ad esse è divenuto insostituibile nello scacchiere partenopeo, ma è anche entrato nei cuori dei tifosi per il suo grande attaccamento alla maglia. Gianluca Grava risponde in toto ai requisiti di grande giocatore che mette in campo anche quella "napoletanità" tanto decantata in primis dal Presidente Aurelio De Laurentiis. Grava è stato insignito col premio Azzurrissimo votato dai tifosi di internet che gli hanno tributato il giusto riconoscimento per la stagione appena conclusa e, dulcis in fundo, si sta imponendo anche nella classifica del migliore azzurro dell'anno proposto daNapoliSoccer.NET tramite gli utenti/tifosi di facebook: attualmente è in seconda posizione di pochissimo dietro solo al Pocho Lavezzi. I sostenitori partenopei si chiedono però come mai tarda ad arrivare il rinnovo contrattuale. Siamo certi che la società non vorrà farsi soffiare da altre squadre le prestazioni di valore assoluto del difensore casertano, ma bisogna sbrigarsi. Gli operatori di mercato non si lasceranno sfuggire l'opportunità di tesserare un professionista ineccepibile come Grava. Di certo c'è l'interessamento del Bologna e pare anche del Lecce che offrono almeno due anni di contratto. Il Napoli sembra per il momento volersi tenere sulla base di un accordo annuale che per un calciatore di trentatré anni non è il massimo del riconoscimento. Grava ha dimostrato sul campo di essere integro dal punto di vista fisico-atletico e merita un prolungamento di contratto anche per quanto fatto con la maglia partenopea nelle serie inferiori, la memoria non deve essere corta, dobbiamo ricordare che è arrivato a Napoli quando la società azzurra era invischiata nella serie C e ha contribuito non poco alla risalita fino all'Europa. Pensiamo che il difensore casertano meriti questo contratto, meriti che sia messo nero su bianco nel più breve tempo possibile e meriti anche qualcosina di più: chissà che non ci sia posto per lui in futuro, nello staff societario. D'altra parte il Presidente De Laurentiis ha tributato nel recente passato attestati di stima a Gianluca Grava evidenziando la sua professionalità ed il profondo attaccamento alla maglia. A fine carriera potrebbe essere inserito nello staff come figura a metà tra la dirigenza ed i calciatori: una sorta di team manager dal passato ineccepibile con la maglia napoletana. I tifosi lo chiedono a gran voce: Gianluca Grava napoletano a vita!