Commenta per primo

Il Napoli va a Cesena per rialzarsi, ma di fronte troverà la squadra rivelazione di questo inizio di campionato. 'Io ho avuto modo di vedere il Cesena dal vivo in casa con il Lecce - afferma il tecnico Alberto Cavasin, ex allenatore anche del Cesena, ai microfoni di Arena Azzurra, su Radio Quinta Rete -. Gioca molto compatta, ha una difesa a quattro che non viene mai presa in velocità, mai lasciata libera su ampi spazi, sempre molto raccolta, con un centrocampo che gli fa da schermo. Due esterni che aiutano molto la fase difensiva. Si tratta di una squadra molto attenta, che non gioca spregiudicata in avanti, ma va solo quando ne sente la possibilità, non si fa mai trovare sbilanciata. I migliori? In questo momento Giaccherini, un'ala molto determinata, rapida, veloce, in grado di cambiare da solo la partita perchè salta l'uomo. E poi Schelotto dall'altra parte, grande forza e pronto al contropiede'.

'Se il Napoli gioca come contro la Samp, ha grandi possibilità di fare risultato. Gli azzurri hanno buone individualità e se ritrovano la compattezza di Genova possono far bene. Hanno le capacità per fare la partita, ma devono stare attenti perchè il Cesena gioca molto bene, come avvenuto alla prima col Milan, potendo partire in contropiede. Il Napoli non deve sbilanciarsi o attaccare con troppi giocatori. La partita alle 12.30? Io credo sia un discorso psicologico'.