6
Luciano Spalletti ha parlato in conferenza stampa dopo l'amichevole del suo Napoli contro la Pro Vercelli, vinta dagli azzurri per 1-0 grazie alla rete di Osimhen. Queste le sue dichiarazioni:

COSA MIGLIORARE - "Abbiamo fatto una buona partita, molto buona perché i calciatori sono stati attenti a ciò che dovevamo sviluppare. Siamo stati bravi quando c'era da scappare indietro e secondo me hanno fatto anche delle buone trame in mezzo al campo. Noi siamo andati dritti sulla nostra strada e sono molto contento per quelli che sono i comportamenti, la ricerca e l'atteggiamento della squadra".

DEMME - "È l'unica nota negativa, ci rompe le scatole questa botta e servirà essere cauti in attesa degli approfondimenti. Ha un po' di male però noi nutriamo fiducia perché siamo sempre fiduciosi. Ha un ematoma e speriamo non sia nulla di importante".

OSIMHEN - "Ha la capacità di trasformare ogni situazione in opportunità, poi è chiaro che questo correre e continuo essere disponibile per ogni azione - perché è da tutte le parti - da un punto di vista di qualità ogni tanto gli impone di fare qualche errore. Però ha fatto una buona partita, una buona preparazione. È un calciatore completo sul quale punteremo molto".

KOULIBALY - "Koulibaly è risultato più volte tra i possibili partenti, ma io mi incateno per tutti. Già precedentemente ho detto che questa squadra mi piace così com'è e sono il più felice del Napoli se non parte nessuno. Ci si incatena per tutti e vorrei Koulibaly con me perché non ho mai allenato un giocatore così forte e un uomo del genere. Quando ti passa davanti racconta già la storia che scriverà".

FABIÁN RUIZ - "Può giocare sia nei due di centrocampo che sulla trequarti, poi dipenderà anche dall'avversario. Tatticamente ci sono vantaggi e svantaggi. Davanti la difesa serve qualcuno che la faccia viaggiare velocemente". 

LOBOTKA - "Oggi ha fatto una buona partita, c'è una crescita continua".
MERTENS - "Lo vedo come punta centrale o sottopunta perché lui è bravo nello stretto a trovare la via d'uscita, poi dipende dal tipo di partita, dallo sviluppo e dall'avversario. A quelli come Dries gli si trova posto".

LOZANO - "Per quella che è la sua natura preferisce giocare a destra e andare a rivistare troppe robe si rischia di fare un minestrone. Mettiamolo nelle condizioni di fare bene tenendo conto di queste cose".

IL GRUPPO - "Questo è un gruppo buono, di brave persone, amici fuori dal campo e mi sembrano anche convinti di essere forti, delle loro qualità. C'è da migliorare qualcosa ma li ho visti determinati nel mettere tutta la forza per il Napoli perché anche nei dettagli si è visto che sono disposti a tutto per questa maglia. Dobbiamo imparare ad indossare questa maglia anche quando non ci sono le partite".

DE LAURENTIIS - "È una persona che sta attenta a tutto e per certi versi è chiaro che bisogna andare a mettere a posto valutando più situazioni, però poi deve rimanere una squadra forte perché ci sono squadre forti e avversari di grande livello. Ce ne sono sette e qualcuna viene sempre fuori e diventa poi la rompiscatole. Bisogna avere una rosa che tiene botta e le valutazioni si fanno tutte: ci sono più competizioni, la Coppa d'Africa dove mancheranno Osimhen e Koulibaly. Noi vogliamo arrivare tra i primi quattro e non ci nascondiamo, ma andiamo in giro per il mondo a far vedere che ci siamo e per questo ci vuole una rosa forte".

INFORTUNI - "Abbiamo fatto tutto il lavoro che dovevamo fare e hanno voglia di farsi vedere, per cui tendono a non tirare fuori il dolorino. Però sono persone a cui va creduto. Per certi versi è più importante il lavoro fatto ieri in allenamento. Conta poco che Elmas e Petagna abbiano avuto problemini, abbiamo testato alcuni ragazzi tra i quali c'è qualcuno interessante".

ZEDADKA - "Ha giocato più avanti in fascia e non può giocare terzino sinistro perché è offensivo, bravo a puntare alla profondità. Mi sono piaciuti Folorunsho e Zanoli, che possono ambire a fare il salto di categoria".