5
La corsa Champions si fa sempre più dura per il Napoli. Il primo ostacolo da superare si chiama Barcellona: dopo l'1-1 della sfida d'andata al "San Paolo", ora c'è il ritorno degli ottavi di finale da disputare. Si giocherà in un Camp Nou atipico, privo del bagno di folla che ricopre solitamente gli spalti blaugrana. Il Napoli dovrà arrivare in Spagna nella miglior forma possibile, consapevole di essere una nuova squadra sotto la guida Gattuso, ma allo stesso tempo di trovarsi di fronte una delle primissime squadre al mondo.
Nel caso in cui il Napoli dovesse riuscire a passare il turno, sarà il tempo della vincente tra Bayern Monaco e Chelsea. Questa sfida è praticamente già archiviata, con i tedeschi che a Londra hanno strappato uno 0-3 difficilmente ribaltabile in Germania. Il club tedesco è anche tra le squadre più in forma in tutta Europa di questo post lockdown: 11 vittorie su 11 gare disputate tra campionato e coppa tedesca con 33 gol segnati. Il Chelsea è indubbiamente in crescita, ma un passo falso lo ha fatto, ovvero la sconfitta contro il West Ham. Quest'ottavo di Champions, dunque, è praticamente già scritto.

PRECEDENTI CON IL BAYERN - Il Napoli nella sua storia ha affrontato più volte le squadre tedesche, tra cui la storica vittoria in finale nel 1989 contro lo Stoccarda. Nel dettaglio, il Bayern non è proprio una rivale abitudinaria per il Napoli. I precedenti nella storia sono solo quattro, con due pareggi, una vittoria per gli azzurri e una per i tedeschi. Il successo napoletano risale proprio al 1989, quando Careca e Carnevale ispirati dagli assist di Maradona, superavano il Bayern al San Paolo. La sfida di ritorno vide un pareggio per 2-2 in Germania, sempre sotto il segno di Careca con doppio assist del solito Maradona. Le ultime due partite tra Napoli e Bayern Monaco si sono giocate in Champions nel 2011, quando i bavaresi sfiorarono la vittoria della coppa, mentre il Napoli superò sì il turno a discapito del Manchester City, però fu eliminato già agli ottavi dalla vincitrice finale Chelsea.

LEWANDOWSKI DEVASTANTE - In casa Bayern tutto sembra girare attorno ad un giocatore, ovvero Robert Lewandowski. Ben 34 gol in 31 partite quest'anno per conquistare il titolo di capocannoniere della Bundesliga. Anche in Champions è al comando della classifica marcatori con 11 reti all'attivo. Sul podio c'è il compagno di squadra Serge Gnabry, staccato però a quota 6. Questo Bayern lì davanti ha un potenziale da urlo, non a caso i gol segnati quest'anno in campionato sono 100. Un reparto offensivo davvero invidiabile: oltre Lewandowski e Gnabry troviamo Coman, Muller, con Coutinho e Perisic che partono dalla panchina. In casa Bayern, però, non è questo l'unico punto di forza. Il reparto arretrato è praticamente invalicabile. Miglior difesa in campionato, sì, ma ancor di più in Champions League. I soli 5 gol incassati in 7 gare sono infatti emblematici e quel quartetto di difesa rappresenta una base solida.

CHELSEA VUOLE DIRE RIMPIANTI - Il destino di Chelsea e Bayern Monaco si è incrociato nuovamente in Champions League, ma il risultato dell'andata parla chiaro. Servirà un'impresa ai "Blues" per ribaltare. Il Napoli si inserisce in qualche modo in questa sfida tra Bayern e Chelsea, dato che affrontò entrambe nel 2011, quando gli inglesi vinsero la Champions, mentre i tedeschi persero in finale. Il Napoli fu davvero ad un passo dall'eliminare proprio il Chelsea, immediatamente agli ottavi di finale: al San Paolo terminò sul 3-1 per la squadra allora allenata da Mazzarri e guidata da super Lavezzi e Cavani lì davanti. A Londra però ci fu la rimonta e alla fine la spuntò il Chelsea vincendo per 4-1 accedendo così ai quarti di finale.

SQUALIFICATI E DIFFIDATI - Nella gara di ritorno degli ottavi tra Bayern Monaco e Chelsea non ci saranno Jorginho e Marcos Alonso, squalificati entrambi (il primo per somma di ammonizioni e il secondo per rosso diretto). Tra i giocatori di Lampard rischiano Azpilicueta e Zouma, diffidati entrambi. Il Bayern scenderà invece in campo senza troppi intoppi. Anche se il rischio è dietro l'angolo con Kimmich e Thiago Alcantara diffidati. Proprio quest'ultimo sembra sia sul punto di partenza. Il Bayern non si farà trovare impreparato, come non si fa trovare praticamente mai impreparato neanche in campo. Sarà dura per chiunque riuscire ad affrontare una squadra così tanto in forma e che è pronta per portare a casa la sua sesta Champions League.

PRIMA IL BARÇA - Ma guai nel provare a dire a Gattuso di queste combinazioni. Per lui ora c'è solo il campionato e non si parla neanche del Barcellona. Eppure c'è un ritorno fondamentale da disputare al Camp Nou contro Messi e compagni. Questo Napoli a somiglianza di Rino Gattuso, molto rigoroso e determinato, però non ha nulla da perdere e potrebbe riservare delle sorprese inaspettate. Lisbona è ancora lontana, Barcellona però si avvicina.