Commenta per primo

Filippo Improta si definisce un 'napoluruguaiano': da una decina d'anni è il reggente del Consolato dell'Uruguay in città. Gli uffici sono a Chiaia, ma lui la domenica si tra sferisce allo stadio San Paolo. La finale di Coppa America e la dedica dei due alfieri azzurri ai napoletani lo hanno davvero emozionato: 'Da sempre c'è grande feeling tra il popolo uruguaiano e quello napoletano, ma adesso si è rafforzato proprio in virtù della presenza qui di Cavani e Gargano'.

Tanto è vero che adesso al suo Consolato tutti fanno la medesima richiesta: 'Gli uruguaiani che arrivano qui e si rivolgono a noi - chiude il suo intervento Improta -, non fanno che chiederci se organizziamo anche delle visite al centro sportivo del Napoli'. Già, a Capri, Ischia e Sorrento sarebbe il caso di aggiungere Castelvolturno tra le mete preferite dei turisti uruguaiani che giungono nella città.

(La Gazzetta dello Sport - Edizione Campania)