336
Godete finché potete. Sono tutti più felici con Milan e Inter prime in classifica. Non si vedeva l'ora di spodestare il Napoli dalla vetta. Tra infortuni, sviste degli arbitri e del Var il povero Spalletti ha dovuto alzare bandiera bianca permettendo a Pioli e Simone Inzaghi di effettuare il sorpasso. Ha perso tutti gli uomini chiave il tecnico di Certaldo. Uno dopo l'altro si sono fermati quei calciatori che stavano facendo la differenza. Dall'Inter all'Atalanta c'è stata una tempesta perfetta che ha affollato l'infermeria partenopea. Domenica sera contro la Dea mancavano Osimhen, Anguissa, Fabian, Insigne, Koulibaly e Manolas. E per non farsi mancare nulla durante l'incontro si è fatto male pure Lobotka. Si temeva il crollo totale al cospetto del Gasp e i suoi poderosi ragazzi. Ed, invece, gli azzurri se la sono giocata fino alla fine riuscendo anche a rimontare. Poi, però, ci si è dovuti arrendere.

Naturalmente non sono mancate le polemiche. Il famoso Banti di Livorno al Var si è reso protagonista assoluto di una “serata unica” per le milanesi. Dopo dieci minuti di partita Zapata ha accompagnato la palla con la mano in area prima di servire Malinovskyi che poi ha segnato ma per il toscano non c'era nulla. È stato, invece, molto attento quando ha chiamato Mariani di Aprilia per fargli rivedere l'ipotetico tocco di Mario Rui in scivolata su un tiro di Ilicic. Il portoghese ha deviato il pallone con il ginocchio e quindi non c'è stato alcun rigore. L'arbitro in campo non ha potuto “accontentare” il collega in regia. Per chi ha un po' i ricordi corti il signor Banti è colui il quale in un Napoli-Atalanta di due anni fa non rilevò un fallo di Kjaer su Llorente in area permettendo ai bergamaschi di andare a pareggiare nell'azione seguente. Si era sul 2-1 e con un calcio di rigore sacrosanto la partita sarebbe stata chiusa. Giacomelli, poi, completò l'opera espellendo Ancelotti dopo che gli aveva chiesto di dargli una mano per calmare gli animi in campo. Da quell'episodio cominciarono i problemi per Carlettone che poi venne esonerato più avanti. Fu allora che il pluridecorato tecnico emiliano decise di non allenare più in Italia. Meglio scappare dal Belpaese dove gli arbitraggi sono davvero scarsi.
Domenica sera al Maradona, comunque, è stato bello vedere dalle immagini di Dazn e Sky il designatore Rocchi applaudire Mariani per aver fischiato un fallo di Rrahmani su Zapata con conseguente cartellino giallo. Ci sarebbe piaciuto capire cosa ha pensato la settimana precedente quando Pezzuto di Lecce ha permesso al Sassuolo di pareggiare nel finale dopo che la punizione era a favore del Napoli per fallo proprio su kosovaro. Purtroppo cari amici non è dato sapere. La casta è casta e va rispettata. Quel povero Spalletti per evidenziare ciò che era successo è stato buttato fuori prendendosi anche due giornate di squalifica. Ah come siamo messi male.