Commenta per primo

Lorenzo Insigne in questi giorni è al centro delle attenzioni: i suoi cinque gol in campionato in sette partite, la proposta di riesumare la “10” di Maradona per consegnargliela, ma anche un talento che il ct dell’Italia Conte ammira molto e che tutto il Paese era pronto a godersi. Purtroppo un ginocchio dolorante lo ha fermato. Ma non dovrebbero esserci ulteriori problemi. Non ha preso piede la presunta polemica tra il Napoli e la Figc. Si era parlato di uno strappo dalle parti condito da un “ordine” del presidente azzurro nei confronti del giocatore per un immediato rientro a casa a causa del ginocchio dolorante. Lo stesso presidente ha smentito la cosa a una radio già nella serata di mercoledì: “Ciò che dicono i medici della Figc ha valenza ufficiale”, ha spiegato il presidente. Infatti il consiglio a fermarsi è arrivato proprio dai dottori della Nazionale.

Niente esami per Insigne, forse perché non ce n’è bisogno. Dopo il ritorno dal Coverciano, l’attaccante del Napoli ha svolto una giornata di quasi riposo. Solo piscina e palestra per tenere i muscoli in tono, in attesa che quel ginocchio capriccioso la smetta di dare noie. Dovrebbe essere già così, visto che dal Napoli non filtra nessuna preoccupazione. Non ci sono stati gli esami di rito, forse perché non ce n’è bisogno. Ad oggi tutti gli elementi portano ad un impiego domenica prossima contro la Fiorentina. Il problema che ha riportato Insigne in Campania si dovrebbe risolvere soltanto con il riposo, ma la situazione sarà seguita nei prossimi giorni. Al momento non è stato fissato il rientro in gruppo del giocatore. Ma non si esclude che questi ci possano essere nei prossimi giorni. Intanto Insigne stava già meglio. Il versamento che ha indotto i medici della Nazionale a liberarlo c’è stato, ma dovrebbe essere stato di natura articolare a causa dello sforzo. Niente problemi particolari, né tantomeno legati all’intervento di quasi un anno fa per ricostruire il legamento.