167
Corre il Napoli e lo fa anche velocemente. Non si fermano gli azzurri nel derby trappola con la Salernitana. Nella quarta giornata di ritorno Spalletti incassa una preziosa vittoria che lo fa balzare al secondo posto in classifica. Uno slancio non da poco per i partenopei che hanno agganciato il Milan e hanno staccato ancor di più Atalanta e Juventus. La Signora ha giocato per non perdere in casa del Diavolo sperando in qualche colpaccio finale che non è arrivato. E oggi si ritrova a -7 da Insigne e compagni. Che secondo quelli bravi sono gli unici al momento che possono dare fastidio all'Inter capolista. Certo, se si va in campo e non si tira neanche una volta in porta diventa difficile pensare ad una vittoria che sarebbe valsa il quarto posto.

Al momento si guarda la targa al Napoli. Che in scioltezza ha battuto la Salernitana in piena emergenza. Sembrava che si volesse complicare la vita come è accaduto spesso al "Maradona", ma stavolta i malocchi nordici non sono serviti. I granata proveranno dalle prossime partite a giocare per la salvezza. Sono dieci, dunque, i punti incassati dal Napoli in questo 2022. Uno a Torino con la Juve e nove contro Sampdoria, Bologna e Salernitana. C'è aria nuova nel gruppo di Spalletti. In tanti speravano che in questo mese di gennaio la Coppa d'Africa potesse togliere punti e certezze agli azzurri. Ma il tecnico toscano è stato molto bravo a dare fiducia a tutti suoi uomini e a difendersi da una emergenza che sarebbe potuta costare cara. Niente da fare. Per poter scalzare il Napoli dai primi quattro posti ci vuole altro. Tra novembre e dicembre è successo di tutto. Infortuni e Covid hanno tartassato i partenopei. Chi inseguiva ha recuperato un po' di punti. Ma nel momento più difficile è arrivato il pari con la Signora che ha fatto cambiare la storia del torneo al Napoli. Quella prestazione con pochi calciatori disponibili ha dato una carica incredibile e oggi si è secondi in classifica in condominio col Milan.
I sette punti di distacco dalla Juve sono una certezza. Ma guai a fidarsi dei bianconeri. Hanno sette vite come i gatti. Allegri è riuscito un po' alla volta, con il solito suo calcio, a risalire la china. Certo è che Milan-Juve dell'altra sera allontana dal calcio. Mezzo tiro in porta ciascuno e tutti a casa. Mica come il Napoli che ha inquadrato la porta 81 volte contro la Salernitana. L'avversario era ridotto all'osso ma la qualità azzurra si è vista anche in precedenza. E adesso che il gruppo è quasi al completo ci si può divertire ancora di più. Alla ripresa ci sarà il Venezia e poi al "Maradona" arriverà l'Inter. Bisognerà preparare anche la trasferta a Barcellona. Intanto torneranno Koulibaly e Anguissa. E chissà se il gap dall'Inter non si ridurrà ancora. Magari seriamente, come dicono quelli bravi, il Napoli proverà a lottare di nuovo per lo scudetto. Calciando molte volte in porta. A buon intenditore...