Commenta per primo
Il tira e molla tra il Napoli e Paolo Cannavaro non ha ancora trovato un vincitore, e in città iniziano a nascere due schieramenti, o qualcosa di simile. Non è il primo argomento di discussione dei tifosi (molto più chiacchierata la questione Quagliarella), ma quando si nomina l'affare la discussione si accende. La sensazione è che ci sia una parte di tifosi dalla parte del presidente, che rimprovera a capitan Cannavaro di tirare troppo la corda. A non aiutare il difensore è la cattiva annata 2008/2009, quella della debacle del ritorno, quella al termine della quale Cannavaro è stato costretto a scrivere una lettera proprio ai tifosi azzurri per ricordare il suo amore per la maglia partenopea, e a riconciliarsi dopo una stagione non proprio perfetta anche dal punto di vista personale. Così, alcuni tifosi ritengono sbagliata la richiesta economica e la lunga attesa per il rinnovo contrattuale. I rapporti tra Paolo Cannavaro e i napoletani sono ancora ottimi: la stagione (da incorniciare) si è conclusa con uno striscione in cui si chiedeva il capitano dei campani in Nazionale per giocare i Mondiali. Ora le offerte dall'estero, la partenza per Dubai, la mancata firma e l'alta richiesta economica fanno pensare, anche se è ovvio che quando la stagione avrà inizio tutto sarà dimenticato.

Si sono creati due schieramenti, dicevamo: chi sta con Aurelio De Laurentiis propone al giocatore solo un prolungamento contrattuale, e chi sta con il capitano che vorrebbe anche un ritocco sull'ingaggio. Questi ultimi, infatti, sottolineano come Cannavaro non abbia mai chiesto un soldo in più in cinque anni, e che ora sarebbe il momento giusto per dargli un premio. Evidenziano anche l'attaccamento alla maglia che ha il difensore, il quale ama molto la città e la squadra. La sensazione, però, è che il rinnovo sia ancora in alto mare e che non sarà semplice chiudere l'affare. 'Siamo al 50 per cento di possibilità. Il suo più grande desiderio è restare nella sua città e vestire ancora la maglia del cuore, ma è anche vero che il giocatore ha comunque dimostrato il suo valore dopo molte critiche e dunque merita un riconoscimento', ha dichiarato qualche giorno fa il procuratore del giocatore, Gaetano Fedele.
La situazione è ancora in fase di stallo, anche perchè Paolo Cannavaro è partito alla volta di Dubai per fare compagnia al fratello Fabio in occasione dell'inizio della sua nuova avventura calcistica. Da lì è venuta fuori la notizia di un'offerta proprio dell'Al Ahly nei confronti del difensore: 1,2 milioni di euro. Opzione che si va ad affiancare a quella dell'Atletico Madrid. Difficile immaginare il capitano del Napoli (il cui contratto, peraltro, scadrà il prossimo anno) partire ed indossare una maglia diversa da quella azzurra, ma la lunga trattativa lascia qualche dubbio. Giova anche ricordare come alcuni giocatori siano stati letteralmente risollevati e resi nuovi da Mazzarri, e forse non è proprio questo il momento per le richieste economiche. Bisognerebbe almeno riconfermare le prestazioni, prima di battere cassa.