49
Niente stadio, penale da pagare. Alla fine l’accordo è stato trovato, il Milan pagherà 10 milioni di euro. Questa la cifra da versare dopo la marcia indietro per il nuovo stadio in zona Portello, lo riporta la Gazzetta dello Sport. 

LA VICENDA - Tutto era iniziato il sette luglio scorso, quando Fondazione Fiera annunciava la decisione di assegnare il progetto di riqualifcazione dei padiglioni 1-2 del Portello al Milan. Era il primo passo per il nuovo stadio, una battaglia vinta. Un mese dopo però i rossoneri hanno fatto marcia indietro, dopo i dubbi relativi ai costi e alle bonifiche. Il Milan, come annunciato da Berlusconi, resterà quindi a San Siro.
L’ACCORDO - Necessario è stato allora un incontro tra i due presidenti, Berlusconi per il Milan e Benito Benedini per Fondazione Fiera, per trovare l’accordo per la revoca della vittoria del bando, senza arrivare allo scontro giudiziario. L’accordo consensuale è stato così trovato, Fondazione Fiera revocherà la vittoria del Milan, rinunciando - come sembrava - a portare il club in tribunale. L’accordo prevede che il Milan pagherà 10 milioni di euro circa, ovvero due annualità promesse dal club per avere la vittoria del bando, annualità relative all’affitto dell’area. La penale doveva essere di una sola annualità, ovvero 4 milioni, poi il Milan ha dovuto raddoppiare la quota. Domani alle 16.30 la riunione del comitato esecutivo di Fondazione Fiera, dove Benedini comunicherà ufficialmente l’accordo con Berlusconi. Lo stadio al Portello non si fa più, è arrivata anche la fine ufficiale di questa vicenda.