1

Il primo a festeggiare deve essere stato proprio lui, Brad Guzan, portiere statunitense di 29 anni che difende dal 2008 la porta dell'Aston Villa (salvo il prestito all'Hull City nella stagione 2011/12). Dopo 26 gare consecutive in cui la formazione di Birmingham ha sempre incassato una rete, nella trasferta vittoriosa sul campo del Norwich City il numero 1 dei Villans non ha dovuto raccogliere alcun pallone alle proprie spalle. L'ultima volta che i ragazzi di Lambert hanno mantenuto la porta inviolata era stata nel dicembre 2012 in occasione di una sfida contro lo Stoke City.

Guzan ci ha messo del suo per interrompere questo primato negativo, neutralizzando dopo sei minuti un calcio di rigore di Snodgrass e conservando con altre parate il vantaggio firmato dal solito Benteke. E, a dimostrazione del fatto che il portiere è una figura protagonista nelle vicende dell'Aston Villa, Opta fornisce una statistica molto curiosa a proposito dei giocatori che hanno toccato più volte il pallone in questa e nella passata stagione. In questo primo scorcio di Premier League, Guzan è intervenuto in 274 occasioni, al secondo posto davanti ai vari Westwood, Benteke e Agbonlahor; lo scorso anno, è sempre stato il secondo giocatore per palloni toccati, 1735, dietro a Lowton.

Singolare è anche il percorso di questo ragazzo, cresciuto nell'Illinois ed esploso nel Chivas, club che gli ha permesso di farsi notare dall'allora manager dei Villans Martin O'Neill. Il suo punto più alto in Inghilterra è la gara di Coppa di Lega vinta contro il Sunderland ai calci di rigore, nella quale Guzan ha parato ben quattro tentativi dal dischetto. Eppure, nell'estate 2012, resta senza contratto per qualche settimana prima di essere richiamato su espressa richiesta di Paul Lambert, che gli farà firmare poi un nuovo contratto fino al 30 giugno 2017 e lo lancerà stabilmente come titolare.