12

SuperMario Balotelli ieri ha compiuto 23 anni. L'attaccante del Milan ha trascorso la giornata in ritiro con la nazionale a Roma. Appena arrivato nella capitale, l'attaccante rossonero è stato intercettato dai giornalisti, che hanno cercato di chiedergli quale sia l'emozione per l'incontro col Papa: "Lo dirò a lui - ha tagliato corto Balotelli - per me non è più emozionante di una partita, ma la religione se uno ci crede è importante, sia per un giocatore che per una persona normale. I suoi auguri il regalo più bello? Sono felice di poterlo incontrare, spero che mi faccia gli auguri, ma il regalo più bello me lo faranno i miei genitori".
Intanto lo stesso Balotelli, tramite il suo profilo Twitter, ha fatto vedere alcuni oggetti di casa sua: una statua con la sua esultanza dopo il gol alla Germania in semifinale ai recenti Europei 2012, una grande fontana con scritto MB45 e un leone che pende dall'alto. Bizzarrie di un giovane 23enne. Auguri SuperMario...

Cesare Prandelli non vede l'ora di incontrare Papa Francesco. Il ct dell'Italia ha dichiarato in vista dell'amichevole di mercoledì con l'Argentina: "Questa partita ha un significato particolare e ci deve essere uno spirito di festa per dare il benvenuto al Santo Padre, cercando di offrire qualcosa di particolare a chi verrà allo stadio. Dal punto di vista tecnico, vorremmo dare continuità al lavoro fatto in Confederations ed avere equilibrio".
"Balotelli ha detto che è più importante la partita? Non sono d'accordo. Si gioca quasi tutti i giorni, mentre dal Papa si va una volta provando nuove emozioni. Mario si può fare da solo il regalo di compleanno, trovando quella convizione per diventare davvero determinante. I ragazzi gli hanno fatto festa e stasera faremo un brindisi''.

Proprio l'attaccante del Milan è in dubbio per Italia-Argentina. Balotelli ha terminato anzitempo l'allenamento, ma si esclude il riacutizzarsi del problema muscolare accusato nella tournée negli Stati Uniti: infatti si tratta di un versamento al ginocchio destro già operato.
Il medico della Nazionale, professor Castellacci ha spiegato: "Non è niente di grave, ma non è nostra abitudine rischiare i giocatori. Valuteremo nelle prossime 48 ore".

Luca Talotta