6
Un tuffo nel passato, per riassaporare l'atmosfera di un tempo e rivedere i campioni di una volta: Operazione Nostalgia Stars vs LaLiga Legends, le leggende del pallone tornano in campo il 6 luglio allo Stadio Dino Manuzzi di Cesena, in un match che metterà di fronte glorie del calcio italiano e stelle del massimo campionato spagnolo.

C'è chi ha fatto della potenza il proprio marchio di fabbrica, chi la velocità, chi ancora la grinta. E poi ci sono i calciatori passati alla storia per la loro classe, per i loro colpi ad effetto, pochi sono riusciti a imporsi come veri e propri maghi delle punizioni: ci è riuscito Juninho Pernambucano, ci è riuscito Andrea Pirlo. E ce l'ha fatta anche Alvaro Recoba. Delle giocate del Chino e del suo rapporto con l'Inter e Moratti abbiamo già raccontato, ma il suo mancino ha incastonato gemme nella memoria dei tifosi, nerazzurri e non.

Sono passati tanti anni dalle sue ultime magie da fermo in Italia. Il calcio d'angolo diretto dalla destra con cui ha freddato l'Empoli e chiuso la sua carriera interista il 29 aprile 2007 è un'immagine iconica, per trovare invece l'ultima rete su punizione con la maglia nerazzurra bisogna tornare all'8 febbraio 2006 e al palo interno baciato contro la Fiorentina: sempre dalla destra, sempre dal lato che più favoriva il suo magico mancino. E poi? Recoba non ha certo dimenticato come si fa, chiedere alle vecchie glorie del Panama: lo scorso anno, in una partita giocata con le leggende dell'Uruguay, il Chino ha colpito ancora da calcio piazzato, una perfetta punizione dai 20 metri che non ha lasciato scampo al portiere avversario.

E ora? Non è ancora finita, perché a 43 anni Recoba non ha alcuna intenzione di fermarsi. E rilancia, con una promessa in vista della sfida di sabato 6 luglio allo Stadio Dino Manuzzi di Cesena: "Spero di regalare un gol su punizione a tutti gli amici che saranno presenti sabato 6 luglio a Cesena". La personale sfida del Chino è lanciata: un'altra punizione, un'altra magia per regalare gioia e un po' di nostalgia a tutti i tifosi.