9
Destini intrecciati, tra Juventus e Under 21. Riccardo Orsolini e Federico Chiesa, entrambi classe 1997 che hanno vissuto una stagione tra luci e ombre. Una prima parte da incorniciare per Chiesa, il percorso inverso invece per Orsolini, esploso sotto la gestione di Sinisa Mihajlovic. 12 gol e 9 assist tra campionato e Coppa Italia per l'esterno d'attacco della Fiorentina, 10 reti e 6 assist in 37 partite nelle stesse competizioni per Orsolini. Rendimenti simili, che hanno lanciato i due verso gli Europei Under 21 che si giocheranno quest'estate proprio in Italia. Il commissario tecnico Di Biagio li ha convocati entrambi, ma non è certa la contemporanea presenza dei due nell'undici titolare. Dipenderà soprattutto dal modulo utilizzato e dalla posizione di Kean (sarà prima punta o esterno a sinistra?). Orsolini a Bologna ha giocato da esterno destro nel 4-2-3-1 o nel 4-3-3, Chiesa con Sousa prima, Pioli e Montella poi, è stato schierato ovunque: esterno a destra e a sinistra, tutta fascia o ala, seconda punta e anche falso nove in alcuni spezzoni di gara. Un vero e proprio jolly il viola, mentre Orsolini in campo ha una collocazione più definita, dei due sicuramente è quello più anarchico.
 
DUE VIE PER IL FUTURO - "Il mio futuro? Se ne stanno occupando gli addetti ai lavori, non ci ho ancora pensato e faremo le valutazioni quando sarà il momento. A Bologna sto bene e ho trovato una seconda famiglia quindi ho sempre espresso la volontà di rimanere, mi piace la città, mi piace il progetto del club e credo sia una piazza giusta per crescere. Spero il mister possa rimanere, ha dato un’impronta importante a questa squadra”, ha detto ieri Orsolini dopo la vittoria per 3-2 del suo Bologna contro il Napoli. Con Mihajlovic è esploso, ora i percorsi sono due per lui: un ritorno alla Juve per essere valutato dal futuro allenatore bianconero o la permanenza a Bologna per un altro anno, con quel riscatto che sfiora i 15 milioni di euro, prima del possibile controriscatto bianconero fissato a 22.5 milioni. Juve e Bologna aspettano di capire chi saranno gli allenatori per la prossima stagione, poi si incontreranno per discutere del futuro di Orsolini. In merito, le parole dell'agente del giocatore Di Campli sono state chiare: "Non saremo merce di scambio". Orsolini si è riscoperto, la Juve sa di avere un gioiello tra le mani e ora riflette, su lui e sul reale valore di Chiesa (la Fiorentina chiede 70 milioni di euro per lui).
 
PIU' VICINO A CHIESA - La Juve su Orsolini punta molto, da quando nel gennaio 2017 insistette a lungo per averlo, pagandolo 6 milioni di euro più 4 di bonus. L'allora ad Beppe Marotta e Fabio Paratici si incontrarono diverse volte con Cristiano Giaretta - ex dirigente dell'Ascoli - e Donato Di Campli - agente del giocatore - per concludere l'operazione. Ora la Juve si ritrova in casa un gioiello ritrovato dopo l'esplosione con Mihajlovic, una carta importante anche in ottica mercato. Orsolini sta attirando l'interesse di diversi club e i bianconeri possono pensare di inserirlo come contropartita in qualche operazione per il futuro, come quella per Federico Chiesa. Valutazioni in corso in casa Juve, perché i numeri parlano chiaro: l'Orsolini visto con Mihajlovic non è di tanto inferiore a Chiesa, anzi. Molto dipenderà anche dagli Europei Under 21: chi sarà più protagonista dei due negli Azzurrini di Di Biagio? Lo dirà solo il campo. La Juve osserva e aspetta, valutazioni in corso su Orsolini e Chiesa: nella squadra del futuro solo uno dei due potrebbe avere spazio.