Commenta per primo
La notte degli Oscar 2020 è targata Corea del Sud. Parasite diretto da Bong Joon Ho ha vinto le statuette come miglior film, miglior film internazionale, per la regia e per la sceneggiatura originale. Joaquin Phoenix miglior attore per Joker (miglior colonna sonora originale), Renee Zellweger miglior attrice per Judy. Premiati come non protagonisti Brad Pitt per C'era una volta a... Hollywood di Quentin Tarantino e Laura Dern per Storia di un matrimonio. A 1917 di Sam Mendes tre statuette per il sonoro, la fotografia e gli effetti speciali a Roger Deakins, Mark Taylor e Stuart Wilson. Vincono anche gli Obama, produttori del miglior documentario 'American Factory' dalla loro Higher Ground. Sul red carpet l'omaggio di Spike Lee a Kobe Bryant con uno smoking color viola-oro e il numero 24 sulla giacca: "Manca a tutti". 

CLICCA SULLA GALLERY PER VEDERE I TWEET DELL'INTER DEDICATI AGLI OSCAR 
L'Oscar per il miglior cortometraggio documentario va a Learning to skateboard in a warzone (if you're a girl) di Carol Dysinger e Elena Andreicheva. 
L'Oscar per il miglior montaggio sonoro va a Donald Sylvester per il film Le Mans '66 - La grande sfida (Ford v Ferrari). 
Toy Story 4 di Josh Cooley ha vinto l'Oscar come miglior film d'animazione. 
Hair Love, regia di Bruce W. Smith, Matthew A. Cherry e Everett Downing Jr. ha vinto l'Oscar come miglior corto d'animazione. 
L'Oscar per la migliore sceneggiatura non originale va a Taika Waititi per Jojo Rabbit.
The Neighbors' Window, regia di Marshall Curry, vince l'Oscar per il miglior cortometraggio. 
L'Oscar per la migliore scenografia va Barbara Ling (production design) e Nancy Haigh (set decoration) per C'era una volta a...Hollywood di Quentin Tarantino. 
Oscar per i migliori costumi a Jacqueline Durran per Piccole Donne di Greta Gerwig.