46
Sta conquistando Lecce a suon di gol, dopo gli anni di apprendistato nella Casa blanca e i suggerimenti di una leggenda come Raul Gonzalez Blanco. Sin dal giorno del suo arrivo, frutto di un'autentica intuizione di Pantaleo Corvino dopo aver brillato con la maglia del Real Madrid nella Uefa Youth League, si è messo in testa di riportare il club salentino in Serie A. Un campionato dal quale più di qualche squadra ha iniziato a raccogliere informazioni e fra i quali figura anche la capolista Inter, alla ricerca di un quarto attaccante disposto a crescere all'ombra di Lukaku, Lautaro e Sanchez ma con la qualità per ben figurare da subito.

CHE NUMERI - Classe 2001, un impatto davvero devastante nel suo primo anno lontano dalla Spagna, con una media realizzativa di una rete ogni 94 minuti. Alcuni di questi davvero di pregevole fattura, come il "cucchiaio" dell'ultimo turno, con cui ha mandato definitivamente ko il Frosinone e concluso l'avventura in panchina di Nesta. Sono 5 i gol in appena 11 partite disputate, perché nello straordinario exploit di Pablo Rodriguez non va dimenticato come la prima parte di stagione sia stata completamente condizionata dai problemi fisici, dalla positività al Covid-19 a una serie continua di infortuni.
DA HAALAND A ICARDI - Oggi il talentino di Las Palmas è uno dei pezzi pregiati del Lecce che sta prepotentemente risalendo la classifica per provare a centrare la promozione diretta in A, con Corvino che si sfrega le mani ripensando al fatto che lo ha strappato al Real Madrid a condizioni molto favorevoli e che, insieme all'Inter, anche la Sampdoria ha manifestato i primi segnali di interesse. Un maestro come Raul alle spalle, la speranza di ripercorrere le orme di una macchina da gol come Haaland e i paragoni con Mauro Icardi, che come lui ha avuto in Abian Morano il procuratore che gli ha consentito di muovere i primi passi nel calcio che conta. Nuovi bomber crescono nel Lecce che sogna l'immediato ritorno in Serie A: anche l'Inter studia Pablo Rodriguez.