10 Jerry Mbakogu: arrivato a Padova, ne fa 2 nel derby contro il Verona. Il suo agente ha detto che è il più forte giocatore della Serie B e che può fare due gol a partita. E' sulla buona strada. 

9 Alessio Da Cruz: allo Spezia dal Parma, l'ex Novara entra al 61esimo nella sfida contro il Venezia, in vantaggio per il gol di Domizzi un minuto prima. Bene, il classe '97 ci mette 3 minuti per pareggiare i conti. Esordio da urlo per un talento da ritrovare.

8 Pietro Iemmello: il Re di Foggia trascina i suoi alla vittoria contro il Carpi. Gol scacciacrisi, fondamentali per la corsa salvezza e, ovviamente, per il suo morale: quatto reti in stagione, la permanenza in Serie B dei Satanelli passa dai suoi piedi.

7 Ernesto Torregrossa: Donnarumma fa le fortune di chi gli gioca accanto. E quest'anno tocca a Ernesto Torregrossa: il numero 7 del Brescia  realizza il gol dell'1-0 contro il Perugia, con la settima rete stagionale, un gol ogni due partite. E le Rondinelle volano.

6 Allan Baclet: il Cosenza saluta uno degli eroi della promozione in B, con cori e striscioni che hanno accompagnato gli ultimi 90 minuti in maglia calabrese. E' pronto a trasferirsi alla Reggina, ha cercato il gol da dedicare ai tifosi, non lo ha trovato. Ma sono arrivate le lacrime.

5 Luca Vido: per una volta insufficiente, l'attaccante del Perugia non brilla sotto gli occhi di Roberto Mancini, il commissario tecnico dell'Italia presente al Curi per vederlo da vicino, al pari di Tonali.  4 Fabio Lucioni: partita positiva, fino all'errore che permette a Coda di pareggiare. Che le sirene di mercato, direzione Sassuolo, lo abbiano distratto?

3 Mattia Vitale: arrivato al Carpi dalla Spal, il numero 8 biancorosso voleva bagnare l'esordio con un gol. E invece, a 10 dal termine, sbaglia il rigore che avrebbe regalato il pareggio nella sfida col Foggia. 

2 Palermo: non c'è modo peggiore che iniziare l'anno con una sconfitta, in casa, in rimonta, arrivata al 93esimo. 

1 La difesa del Verona: tolto il mese di dicembre, la squadra di Grosso ha sempre subito gol in campionato, nonostante i miracoli di Silvestere. Se si punta la Serie A, bisogna registrare il reparto arretrato. 

0 Il campo di Cosenza: brutto, bruttissimo. "Campo assurdo da praticare" protesta via social il presidente dell'Ascoli, Pulcinelli. E come dargli torto?