Commenta per primo

L'immagine è forse la più abusata in assoluto. Ma è stato Delio Rossi presentando la partita a parlare di Davide che sfida Golia. Per inciso, Davide è il Palermo mentre Golia è la squadra russa del Cska Mosca che questa sera arriva al 'Barbera' (21,05, diretta Mediaset Premium) nella gara valida per la terza giornata della fase a gironi dell'Europa League. 'Però Davide - si fa coraggio Rossi - ha già battuto una volta Golia. Speriamo che la cosa possa ripetersi'.

Si aggrappa a questa frase, il tecnico del Palermo, ma si aggrappa pure allo stato di forma della sua squadra. Se il Cska arriva a questa sfida avendo vinto le ultime sei partite tra campionato e coppa, il Palermo si presenta con il biglietto da visita di quattro vittorie e un pareggio nelle ultime cinque gare giocate. Si presenta soprattutto con il 4-1 sul Bologna che rappresenta una delle partite più belle della gestione Rossi.

Però c'è un però. La squadra che questa sera affronterà il Cska sarà per forza diversa da quella che ha battuto il Bologna. In particolare non ci saranno Ilicic e Bacinovic che per regolamento non possono giocare in Europa avendo già fatto l'Europa League con il Maribor. 'Stiamo cercando un equilibrio e, in questo senso, non modificheremo il nostro sistema di gioco - dice Rossi - È evidente che ogni giocatore verrà impiegato secondo le sue caratteristiche. Certamente schiererò la migliore formazione possibile'.

Insomma niente turn-over. Il miglior Palermo possibile per una partita che potrebbe essere importantissima anche in chiave qualificazione. 'Loro sono più forti - sostiene Rossi - ma il Palermo non modifica il suo gioco sull'avversario che affronta. Giocheremo come sempre cercando di non snaturarci. Ce la metteremo tutta per fare la nostra partita'.

Certo che l'avversario che il Palermo affronta questa sera è il peggiore che potesse arrivare. Tanto che Rossi se la cava con una battuta. 'Mi piacerebbe che tra qualche anno si parlasse del Palermo negli stessi termini in cui oggi si parla del Cska Mosca. Mi piacerebbe avere la loro esperienza, la loro forza, la loro abitudine a giocare in competizioni di questo tipo e in Champions'.

(La Repubblica - Edizione Palermo)