Commenta per primo

'Questo è un momento delicato, forse il più difficile della stagione, ma abbiamo la forza per venirne fuori. Basta vincere un paio di partite e torneremo in corsa per il quarto posto. Gli unici giudizi che mi importano sono quelli del tecnico e dei compagni. L'unica voce che sento è quella del mister. Naturalmente ognuno ha il diritto di pensarla come vuole e non posso piacere a tutti, però vado avanti con tranquillità cercando di migliorare. So che sono giovane e posso crescere ancora tanto, soprattutto sul piano tecnico. Spero di poter giocare al più presto al centro, è tutto diverso. Mi adatto a giocare dove vuole l'allenatore ma io ho sempre giocato in mezzo, sia con la linea a quattro che con quella a tre come a Bologna. Per giocare a destra ci vogliono caratteristiche di corsa che non ho e non posseggo neppure la tecnica per farlo. Però nel momento del bisogno ci si deve adattare. L'unico vantaggio è che si hanno meno responsabilità. Se sbaglia un difensore centrale quasi sempre è gol, se sbaglia un esterno spesso c'è un compagno che può andare a chiudere'.

Il Palermo subisce tanti gol. 'La nostra difesa è molto forte e lavoriamo duro per migliorare. È vero, subiamo tanti gol ma quando si parla di difesa si deve pensare a tutta la squadra. Non è un problema solo dei difensori, penso che tutti dovremmo fare un po' di più per evitare di prendere tutti questi gol. Anche gli attaccanti. Io lavoro tanto, Rossi è molto bravo con i giovani e spero che resti ancora per tanti anni al Palermo. Ogni giorno si impegna per farmi migliorare. Come? Nella tattica, nella posizione, mi dice un'infinità di volte che devo stare tra la palla e l'avversario. Insomma ce la mettiamo tutta. Il gol di Paponi? Doveva andare a saltare Nocerino perché era l'ultimo a sinistra. Noce, però, si è sacrificato in un ruolo che non è il suo; peccato, perché senza l'espulsione di Garcia sarebbe andata in modo diverso'. Domenica ci sarà da vendicare la sconfitta dell'andata per mano dell'Udinese. 'Esatto. Loro sono molto forti, li conosciamo molto bene anche se ancora non abbiamo preparato nulla di particolare. Ma al Barbera anche noi siamo molto forti e non vogliamo sbagliare un'altra partita'.

(Giornale di Sicilia)