Commenta per primo

'La maglia del Palermo pesa, lo ripeto sempre ai ragazzi'. Ieri Paolo Beruatto, nuovo allenatore della Primavera rosanero, si è presentato così. Per i baby-talenti che cresceranno sotto la sua egida, arrivare a indossare la maglia della prima squadra, quella più 'pesante', sarà il primo obiettivo. Niente assili da scudetti, coppe Italia o Tornei di Viareggio: il nuovo corso punta a sfornare ragazzi utili alla causa di Rossi, sulla scorta delle fertili cantere di Arsenal e Barcellona.

Ecco perché sarà proprio l'allenatore riminese a tracciare le linee guida anche per la Primavera. Beruatto plasmerà la squadra con il 4-3-1-2, cercando di instillare nella mente dei giocatori gli stessi insegnamenti tecnico-tattici adottati da Rossi con i grandi. C'è chi farà la spola, come ad esempio Acquah. Dopo averlo avuto in ritiro, lambiccandosi il cervello per capire 'che tipo di pesce' fosse, Rossi ha deciso di plasmarlo come play basso davanti alla difesa. Capitano della nuova Primavera sarà il centrocampista classe 1992 Ardizzone, che ha già qualche importante trascorso nell'era Pergolizzi.