Commenta per primo
'L'anno prossimo lotteremo per il quarto posto? Io dico per il terzo. Rossi ha iniziato a lavorare troppo tardi con noi, è il vero rammarico di una stagione da record. È stato un grandissimo Palermo, nelle ultime settimane la cabala contro ci ha frenato'. Maurizio Zamparini credeva nel ribaltone, ma accetta con filosofia la vittoria della Samp. 'Il mio plauso va ai giocatori, all'allenatore, ai dirigenti, ai collaboratori e ai tifosi - sottolinea -. Tutti abbiamo conquistato 65 punti, firmerei per ottenerne tanti anche in futuro. La differenza tra noi e la Sampdoria? Loro - sostiene - anche oggi (ieri per chi legge, ndr) hanno avuto un incredibile lato B, a venti secondi dalla fine un retropassaggio è finito fuori per pochi centimetri. E poi hanno vinto a Roma, ripeteranno la vittoria dell'Olimpico fra trent'anni. Noi, invece, abbiamo perso due punti a Genova per un recupero di trenta minuti e al Barbera contro la Samp è stato fischiato un fuorigioco inesistente a Hernandez'. Da oggi gioia e rimpianti finiranno in un cassetto e si comincerà a parlare di futuro e di mercato. 'Presto incontrerò il mio ds e l'allenatore per concretizzare il lavoro già impostato. Io vorrei che i calciatori rimanessero tutti, al massimo ne andranno via uno o due, ma solo dopo i Mondiali. Nessuna rivoluzione, però faremo almeno cinque, sei acquisti. La priorità? Contro l'Atalanta abbiamo sbagliato qualche occasione di troppo e non dovevamo assolutamente incassare il gol. È stata una conferma delle nostre lacune difensive, specie in trasferta. E poi dovremo rimpiazzare Bresciano e Simplicio, e pensare che Liverani avrà un anno in più'. (Giornale di Sicilia)