1
Aria fresca, umidità contenuta, sole (ma con qualche acquazzone) e strutture all’altezza: un habitat ideale, dunque, quello che sta accompagnando i rosanero nell’avvio della stagione 15/16. Un ambiente che di “Bad” (dall’inglese, male) ha solo il nome e che ormai è diventato la seconda casa del Presidente Maurizio Zamparini. Arrivato in ritiro per spronare la squadra ed incontrare il direttore sportivo Gerolin: un summit di mercato tra le fresche frasche “made in Austria” puntando gli ultimi obiettivi, per consegnare a Iachini un gruppo che possa - a detta del patron di Viale del Fante - salvarsi con largo anticipo e puntare all’Europa.

Tra i volti presentati in queste ore alla stampa, quello del macedone Aleksandar Trajkovski: uno che l’Europa League l’ha conquistata con la squadra belga dello Zulte Waregem e vuole ripetersi in rosanero. Oltre che, sempre in merito di conquiste, stupire i suoi nuovi tifosi: “Ho sempre sognato, fin da bambino, di giocare in un grande campionato e la Serie A è uno di questi. Sono felicissimo di averlo realizzato, spero prima possibile di dimostrare le mie qualità, la tecnica e la velocità“.
Un jolly del reparto avanzato per Iachini, che dopo la partenza di Dybala avrà l’imbarazzo della scelta lì davanti. Ma non ci sentiamo al momento di definire Trajvkoski e Cassini gli unici arrivi dell’attacco palermitano, come confermato da Zamparini: “Stiamo chiudendo l’accordo per un attaccante, potrebbe anche essere Calleri oppure un altro nome ancora. Con Gerolin ho visto diversi giocatori che potrebbero fare al caso nostro”. E Belotti? Il “gallo” continuerà a cantare in Sicilia? Atalanta e Torino aumentano il pressing sulla punta under 21, che nel frattempo ha deciso di rientrare in anticipo dalla vacanze raggiungendo nella giornata di domenica il ritiro austriaco. Una mossa da vera prima punta.