4
Paolo Rossi, ex attaccante della Juventus rimasto molto legato ai colori bianconeri, fa una previsione a sorpresa sul campionato iniziato questo weekend e sul futuro della Vecchia Signora. Sulle pagine de Il Giornale, Pablito ha affermato:

I PROBLEMI DELLA JUVE - "E' rimasta a Cardiff con i suoi problemi e i suoi equivoci di natura tecnica e tattica. Nella Supercoppa italiana ha commesso gli stessi errori di allora perdendo il confronto a centrocampo dove s'è sempre trovata in inferiorità numerica. Khedira e Pjanic, che non sono certo degli incontristi, non bastano da soli a sostenere il reparto se non sono assistiti dal resto della squadra. Gli avversari lo sanno e lì, in mezzo al campo, mettono in crisi i bianconeri".

MODULO SBAGLIATO? - "E' un meccanismo a rischio che funziona a dovere solo se Khedira e Pjanic hanno la massima collaborazione dagli esterni di difesa e d'attacco. Dani Alves non c'è più, e De Sciglio non è da Juventus. Mandzukic farà fatica a ripetere le mostruose prestazioni della stagione scorsa in un ruolo che non è suo. Inoltre il 4-2-3-1 costringe Dybala a giocare troppo lontano dalla rete. E questo è un lusso che Allegri non può concedersi. Manca poi Bonucci...". 

LE COLPE DEL CENTROCAMPO - "Se la Juve prende gol le colpe sono di un centrocampo che non fa scudo, non filtra, è debole in fase di non possesso. Ma la situazione è peggiorata con la cessione di Bonucci al Milan. Il leader era lui, in campo e fuori. Non Barzagli. Cosa poi sia successo da provocare il divorzio, non so. Una cosa è certa: Bonucci è stato un pezzo forte, unico, di questa Juve che ha vinto sei scudetti di fila e difficilmente si ripeterà. Ci vuole un grande centrale per colmare il vuoto".
IL CONSIGLIO - "Gli suggerirei di giocare a 3 a centrocampo, soprattutto dopo l'acquisto di Matuidi che non è un ragazzino ma in campo si fa sentire, eccome. Non trascurerei neanche Marchisio che ha superato del tutto l'infortunio. Massimiliano potrebbe utilizzare il 4-3-3 o ripristinare il 3-5-2 con Douglas Costa e Alex Sandro esterni nel centrocampo a 5 più Bernardeschi dietro Dybala e Higuain. Allora sì che la Juve tornerebbe a essere fortissima in mezzo al campo".

QUESTIONE SCUDETTO - "Con qualche accorgimento potrebbe ripartire alla grande, come ha fatto vedere in certi momenti contro il Cagliari. Il mio pronostico va al Napoli a patto che non getti al vento le tante occasioni da gol create come è successo contro il Nizza e che Sarri sia abile nei cambi. Mi aspettavo che si rinforzasse negli esterni di difesa, non l'ha fatto, peccato. Bastava e basta poco per giocare alla pari con le grandi del calcio europeo".

DIETRO JUVE E NAPOLI - "Una bagarre infinita fra le milanesi, la Roma e magari la Lazio che però ha perso Biglia e probabilmente perderà Keita. Per chi non dovesse qualificarsi fra le prime quattro, sarà una mazzata pesantissima sul piano economico. I soldi della Champions fanno la differenza".