106
Intervenuto ai microfoni di FootTruck, Krzyzstof Piatek ha parlato del suo stato di forma: "Nelle partite ufficiali, si tratta solo di una partita e mezzo. Dopo il pre-campionato non ero fisicamente pronto come lo sono ora. Non ero fresco per l'Udinese, non è facile adattarsi al sistema di gioco di Giampaolo. Dobbiamo impararlo, potrebbe richiedere del tempo".

SUI DIFENSORI ITALIANI - "Ci sono situazioni, come a Cesena, in cui i difensori mi tenevano per entrambe le braccia, come in una battaglia. E' strano che in Italia gli arbitri difendano i difensori più che gli attaccanti".

SULLA SCORSA STAGIONE - "Non me l'aspettavo. Se segni 30 gol in 48 partite non è fortuna, lo è se magari ne segni 8 in 6 partite".

SULLA NUMERO 9 - "L'allenatore mi ha detto scherzando che le persone prendono sul serio queste cose. In spogliatoio, dopo la partita con il Brescia in cui la palla ha quasi attraversato la linea, i compagni mi hanno detto che era colpa del 9, ma io ho sempre voluto giocare con quella". 

SUL PIATEK ATTACCANTE - "In Italia dicono che sono il tipico polacco, sempre in area. Le statistiche non mostrano queste, tocco spesso la palla e seguo la squadra, ma la gente dice che devo lavorare per giocare fuori dall'area". 
SUL GIOCO DEL MILAN - "Vogliamo il pallino del gioco, credo che alcune volte dovremmo optare per alcune soluzioni più facili. 

SULLO SPOGLIATOIO - "Colui che scherza è senza dubbio Kessié, un ragazzo molto molto positivo e incredibilmente pazzo. Non si preoccupa, entra nello spogliatoio sparando, danzando, mette la musica dal cellulare di tutti". 

SUL RAPPORTO CON PAQUETA' - "A volte comunichiamo in uno scarso italiano, a volte lui dice qualcosa in portoghese. Gattuso era confuso su come mai fossimo così d'accordo, ma siamo amici molto uniti".

SU PAQUETA ' - "Ha un potenziale incredibile. Non è solo tecnica e skills, ma gambe davvero forti e fisico. Ha senso del rischio, a volte Giampaolo si arrabbia, ma è un giocatore di cui fidarsi".