167
Andrea Pinamonti saluta l'Inter con un pizzico di amarezza. Perché gli avevano promesso di rientrare in nerazzurro per il ritiro così da essere valutato da Antonio Conte, poi l'eventuale prestito secco per non perderne il controllo; la cessione definitiva al Genoa è evidentemente una mossa legata alle necessità del Fair Play Finanziario visti i 18 milioni di incasso più bonus, in passato tanti altri centravanti talentuosi in Primavera come Bonazzoli o Longo hanno poi tradito ma Pinamonti ha già dimostrato tutt'altro, in maglia azzurra così come al primo anno di Serie A col Frosinone. L'Inter ha un gentleman agreement con il presidente Preziosi per la rivendita di Andrea, che rimarrà quindi in pugno ai nerazzurri, sotto controllo.


RETROSCENA JUVE - Lo ha garantito anche lo stesso Conte direttamente al giocatore,  un segnale firmato Inter col suo nuovo allenatore che non perderà d'occhio Pinamonti, ora pronto per concentrarsi sulla nuova esperienza rossoblù. Ma c'è di più: l'Inter ha stabilito questa intesa con il Genoa per evitare inserimenti della Juventus. Già un anno fa i bianconeri volevano approfittare della situazione di stallo per il contratto di Andrea con l'Inter, prima che venisse rinnovato; Pinamonti è sempre stato stimato dalla Juve, perderne il controllo avrebbe potuto significare vederlo in bianconero se davvero esplodesse con il Grifone. Marotta e Ausilio hanno evitato ogni pericolo con un'intesa con il Genoa che blinda l'attaccante, ora starà a lui dimostrare ancora e riprendersi l'Inter. Ancora, più di prima.

Ascolta "Pinamonti, l'Inter e la mossa per evitare il blitz Juve" su Spreaker.