72
Stefano Pioli, allenatore del Milan, parla così alla vigilia della sfida con il Rio Ave, decisiva per accedere alla fase a gironi di Europa League: "Al di là della partita secca deve essere importante l'approccio, la mentalità. I due preliminari ci hanno 'allenato', dobbiamo contare sulle nostre qualità, rispettando l'avversario, che ha vinto due preliminari in trasferta, che in Turchia ha rimontato lo svantaggio, ha dimostrato di avere dei valori, è una squadra tecnica, servirà una grande prestazione. Deve essere l'opportunità per crescere, pressioni e aspettative sono normali. Dobbiamo giocare da squadra, con le nostre idee, dobbiamo giocare da, Milan. L'obiettivo è entrare nei gironi, peserà dal punto di vista economico ma non sta a me valutare tutto questo".

RIO AVE - "E' una squadra che vuole comandare la partita, attraverso il fraseggio, la costruzione dal basso. Dobbiamo essere pronti nei momenti decisivi.

INFORTUNI - "Romagnoli? Sta rientrando in gruppo, quando torneremo dal Portogallo farà qualcosa con noi la pausa sarà importante, speriamo di averlo dopo la sosta. Lo stesso anche per Conti, che sta dando segnali positivi. Musacchio? Non so se sarà pronto per dopo la sosta. Leao-Colombo? Non ci sono solo loro due per la posizione d'attacco, dipenderà da tante cose, se vogliamo giocare con un uomo che viene incontro o uno che attacca la profondità".

LEAO - "Sono felice e contento della sua disponibilità, ma si allena con noi da 5-6 giorni, in una situazione diversa avrebbe avuto bisogno di PIù tempo per recuperare. Domani è pronto per uno spezzone. Da lui mi aspetto tanto, so che può darci tanto, l'anno scorso ha avuto tempo per conoscere, imparare, crescere, questa stagione mi aspetto tanto da lui". 
BRAHIM DIAZ - "A Crotone ha preso delle buone posizioni in campo, può fare meglio dal punto di vista del ritmo, ma ha qualità per determinare. E' disponibile, è pronto. Può giocare sugli esterni, è uno dei tre, deciderò domani. E' un ragazzo intelligente, sa leggere bene gli spazi, ama lavorare tra le linee, sulla trequarti, centro-sinistra o centro-destra cambia poco".

PAQUETA' - "Ottimo professionista, non ha mai fatto mancare la sua partecipazione e la sua disponibilità anche quando non giocava. Gli faccio il mio "in bocca al lupo", può fare bene anche se qui ha avuto delle difficoltà".

KESSIE - "Lui leader? Credo che il gruppo stia diventando leader.C'è la voglia di fare, di stare insieme. Lui è sempre sereno, sempre disponibile, dà sempre una mano a chi ha bisogno. Anche i compagni lo notano".

IBRA - "E' dentro il gruppo in tutto e per tutto. Si sentono nelle loro chat, c'è volontà comune di raggiungere l'obiettivo".