Commenta per primo

Un Europeo spalmato in 13 paesi: è questo il nuovo sogno di Michel Platini. Euro2020 potrebbe trasformarsi in un torneo continentale a tutti gli effetti. Secondo il quotidiano tedesco Bild, il progetto che dovrebbe celebrare i 60 anni della manifestazione verrà discusso dall'Esecutivo della Uefa nella riunione fissata per il 7 dicembre e potrebbe essere ratificato a gennaio del prossimo anno. "Michel Platini mi ha illustrato il piano in un meeting, serve l'approvazione dell'Esecutivo", dice Wolfgang Niersbach, presidente della federcalcio tedesca. La scelta di 12 città in altrettanti paesi sarà fatta in base all'elenco delle Nazionali qualificate. Saranno teste di serie le migliori 12 selezioni del ranking Fifa. Queste squadre avranno la possibilità di giocare in casa nella fase a gironi, con le gare di ogni gruppo ospitate da 2 città, e negli eventuali ottavi di finale. I quarti di finale si disputeranno in campo neutro, mentre semifinali e finale si giocheranno nella 13esima città coinvolta nel progetto. In base all'attuale ranking Fifa, evidenzia Bild, i match potrebbero andare in scena a Berlino, Madrid, Lisbona, Roma, Londra, Amsterdam, Mosca, Zagabria, Atene, Basilea, Parigi e Bruxelles. Per semifinali e finale, invece, si pensa a Istanbul. Platini ha cominciato a parlare di un torneo realmente 'continentale' durante Euro 2012, l'edizione ospitata da Ucraina e Polonia. In un periodo di profonda crisi economica, una tradizionale candidatura individuale sarebbe un impegno eccessivamente oneroso. Ecco, quindi, l'opportunità di utilizzare le risorse già esistenti in diversi paesi: le capitali europee, già dotate di stadi e infrastrutture, non hanno bisogno di investimenti faraonici per prepararsi all'evento in programma tra 8 anni.