Paul Pogba spinge per lasciare il Manchester United: a parole e con i fatti. Questo ormai è chiaro, la dirigenza dei Red Devils ne deve prendere atto pur con la convinzione di farsi pagare senza alcuno sconto: servono 150 milioni, almeno per ora. Cifra che né Real Madrid né Juventus sembrano intenzionate a spendere, a meno di formule particolari che possano mettere tutti d'accordo, tra bonus e contropartite tecniche (o magari altre trattative da sviluppare parallelamente). Non solo: Paul Pogba ha dato mandato a Mino Raiola di creare un canale privilegiato con la Juve. Una situazione che si traduce dalle parole ai fatti in una maniera molto pratica. Cioè rimodulando le richieste del proprio ingaggio tra un club e l'altro.

SOLDI – Non semplice il rapporto tra Raiola e Florentino Perez, l'operazione Pogba potrebbe far scoppiare la pace o creare una frattura forse definitivamente insanabile. Intanto per il centrocampista francese ecco che la richiesta al Real Madrid è semplice: essere il giocatore più pagato della rosa, sfondando il muro dei 20 milioni netti a stagione. Una questione di status, di equilibri, di tante cose: Pogba non dice no al Real, a patto di diventare l'uomo su cui costruire il prossimo ciclo di successi. Diversa la situazione in essere con la Juve. A Torino c'è un Pogba che si sente a casa, a Torino c'è un Pogba che tornerebbe volentieri a vivere e non solo a lavorare. Non che faccia sconti, ma al club bianconero la richiesta è sensibilmente diversa: è sufficiente pareggiare quanto già percepito allo United aggiungendo magari dei ricchi bonus a rendimento. Servirà quindi uno stipendio compreso tra i 12 e i 15 milioni di euro netti a stagione, eccezion fatta per il fattore CR7, Pogba sarebbe in questo caso di gran lunga il giocatore di punta della Juve anche a livello di ingaggio (il top resta Higuain con 7,5 milioni di euro), con il club bianconero che imposterebbe con lui già quel lavoro di successione sul piano commerciale e di immagine con il fuoriclasse portoghese. Le condizioni per convincere Pogba, insomma, ci sono tutte. Ben più complicato appare l'accordo da raggiungere con il Manchester United. Ma la Juve non molla e anzi accelera, il chiodo fisso di Fabio Paratici e Pavel Nedved oggi è uno soltanto: Pogba. Domani, chissà.