1
Ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli è intervenuto Matteo Politano, giocatore del Napoli. Queste le sue parole:

ALLENAMENTI - "Abbiamo ripreso già da una decina di giorni. Ora ci stiamo preparando per tornare in campo e aspettiamo solo l'ufficialità".

IL CAMPO - "Non è stato facile star lontano dal campo, specialmente all'inizio quando il pericolo era alto. Ci siamo messi a disposizione, siamo rimasti a casa però ci siamo allenati tutti i giorni. Lo staff ci inviava gli allenamenti da fare, quindi non siamo stati fermi".

LA SQUADRA - "Ho sensazioni positive. Siamo un bel gruppo e dovremo fare un grande sforzo per giocare ogni tre giorni. Il clima non ci darà una mano e sarà una grande sfida".

CAMPIONATO - "Mancano ancora dodici partite, c'è tempo fare più vittorie possibili per arrivare in Champions League o al massimo in Europa League".

COPPA ITALIA - "Non sarà facile giocare contro l'Inter, nonostante la vittoria dell'andata. La Coppa Italia è al momento l'obiettivo più concreto, l'obiettivo principale".

CHAMPIONS LEAGUE - "Ho giocato due anni di fila al Camp Nou, fa un certo effetto giocare lì. Sarà diverso farlo a porte chiuse, ma dovremo abituarci tutti a vedere gli spalti vuoti".

PRIMO GOL - "Speriamo possa arrivare prima del ritorno degli ottavi di Champions, altrimenti dovrei aspettare agosto (ride, ndr). Spero di riuscirci prima".

COSA MIGLIORARE - "Devo farlo in fase realizzativa, dovrei fare molti più gol. Ho le qualità per farli, devo migliorare negli ultimi venti metri e in fase difensiva".
GATTUSO - "Con lui c'è un bel rapporto. Appena sono arrivato mi ha fatto sentire importante come tutti gli altri. Lui pretende il massimo da tutti e io cerco di mettermi a disposizione. Non è stato semplice quando sono arrivato, nei mesi precedenti avevo perso un po' di fiducia".

IL NAPOLI CHE VERRÀ - "Nei prossimi quattro anni vogliamo fare meglio del Napoli di Sarri. Si sta formando una squadra forte però dovremo essere bravi noi a ripagare gli investimenti della società".

LA CITTÀ - "La sto vivendo bene, anche se non ho potuto farlo tantissimo. È una città bella, offre tanto e la gente è molto calorosa. Quando i tifosi mi vedono mi chiedono di dare il massimo. Ho riscontrato un calore diverso, si vede che ci tengono tanto alla squadra".

NAZIONALE - "Spero di tornarci il prima possibile. Sto cercando di guadagnarmi un posto, ma bisogna fare bene prima nel club".

INSIGNE - "Ho un bellissimo rapporto con lui. Già prima di arrivare qui avevo legato con lui in nazionale".

CONSACRAZIONE - "Sono venuto a Napoli per il progetto e per il mister. Per me è un grande trampolino di lancio e cercherò di consacrarmi. C'è stata qualche chiamata di Gattuso per portarmi qui".

ITALIA - "Siamo una nazionale forte con un bel mix tra giovani e giocatori d'esperienza. Si può fare veramente bene".

IL MESSAGGIO - "Prometto di dare sempre il massimo e cercare di esultare il prima possibile tutti insieme".