Commenta per primo




Domenica scorsa nel match giocato a Siena contro una squadra in lotta per non retrocedere, il Napoli soffre, va in svantaggio, si scuote e cerca con ancora più determinazione di recuperare la situazione. In porta, nella squadra toscana, c’è Gianluca Pegolo, classe 1981 che ha esordito tra i professionisti nel 2000-2001 in C2 con il Fiorenzuola.
Calciomercato.com ha interpellato Claudio Rapacioli di Apport per delineare il profilo del secondo portiere senese: “Ha esordito nella massima serie a Verona il 25 novembre 2001. Per Gianluca fu un notevole shock, difficile da riassorbire: chiamato a sostituire Ferron a Torino contro la Juventus, entro’ sullo 0-0 e subì 5 gol nei 20 minuti giocati. La stoffa del buon portiere si vide, comunque, la domenica successiva quando paro’ un rigore a Toni nel derby con il Brescia vinto per 1-0. Nella stagione successiva divento’ il titolare dei gialloblu e colleziono’ in serie B quasi 200 presenze. Dopo questa fase Pegolo si è perso: passa per Genoa, Mantova, Parma per poi finire al Siena come riserva”

“Domenica scorsa, chiamato a sostituire l’infortunato Brkic, riesce con una serie di ottimi interventi a tenere a galla la squadra bianconera. La perla è sicuramente il rigore neutralizzato a Cavani al  minuto 78. La cura con cui i portieri attuali studiano i rigoristi è nota ormai a tutti, ma l’attenzione che il preparatore dei portieri del Siena Marco Savorani riserva a questo particolare è veramente notevole. Studia con i suoi portieri i possibili rigoristi e i diversi tipi di calcio. In questo caso particolare, Pegolo effettua una mezza finta sulla sua sinistra e poi va sul lato di destra, forse anticipando un pochino il movimento. Cavani, forse ingannato dal movimento del portiere, calcia incrociando. Pegolo capisce che quello scelto è il lato giusto e cerca poi di rallentare un attimo la fase di caduta. Infatti riesce a intercettare la palla senza spingere con la gamba destra”
 
“Colleziona, successivamente, almeno altri due interventi degni di nota. Viene battuto all’86’ da un colpo di testa di Pandev che riesce a indirizzare un pallone beffardo verso l’angolino basso, ma prima della fine riesce ancora con un grande intervento a salvare il pareggio”

“L’ottima prestazione di Pegolo dimostra ancora una volta come in Italia ci siano buoni portieri troppo spesso poco considerati. Purtroppo spesso non si concede la giusta fiducia ai N.1 nazionali e si preferisce ingaggiare portieri stranieri che non sono in realtà di livello poi tanto superiore”
 

Get Adobe Flash player