Commenta per primo

Maurizio Beretta, presidente della Lega di Serie A, stigmatizza l'atteggiamento dell'AIC, che ha abbandonato il tavolo delle trattative per il rinnovo del contratto collettivo dei calciatori: "Lo sciopero sarebbe grottesco e incomprensibile - ha dichiarato Beretta - all'avvicinarsi del tramonto, i rappresentanti dell'Aic hanno deciso di alzarsi e andar via."

"Questa trattativa avrebbe bisogno di ben altro: servirebbe un salto di qualità, tempi serrati e incontri non stop. Invece abbiamo visto di tutto, a partire dallo sciopero preventivo. 'Mi aspetto che Abete convochi le parti, noi siamo pronti e disponibili ma servono tempi e un metodo di lavoro nuovi".