Commenta per primo

Fissato il prezzo: 4,5 milioni. Si sta cercando la data giusta per l’incontro. Ma ora si è mosso pure Bigon.
Peluso, trattativa alla fase finale anche se il Napoli prova a inserirsi.
La trattativa procede. In silenzio, senza rumore. Ma Juventus e Atalanta stanno discutendo su Peluso , il difensore che piace ai campioni d’Italia e che risolverebbe i problemi di Antonio Conte che ha perso per tre mesi Giorgio Chiellini . Le due società si dovrebbero incontrare in questo fine settimana o, al più tardi, subito dopo le feste del primo giorno dell’anno. La cifra è già stata stabilita: 4,5 milioni che la società di corso Galileo Ferraris pagherebbe al termine della stagione. Non solo: i due club potrebbero anche consolidare il proprio rapporto di collaborazione.
 
CONTATTO Con l’autorizzazione dell’Atalanta il giocatore avrebbe già parlato con Antonio Conte : una telefonata formale in cui il tecnico bianconero ha voluto conoscere meglio il possibile neo bianconero. Peluso, dal canto suo, non vede l’ora di raggiungere Torino perchè, tra le altre cose, avrebbe più possibilità di restare nel giro azzurro in vista dei mondiali del 2004 che si terranno in Brasile.
 
ALTRA PRETENDENTE In queste ultime ore anche il Napoli ha fatto un sondaggio per lui. Il direttore sportivo Bigon ne ha parlato con Marino . Con la squalifica di Paolo Cannavaro i dirigenti azzurri devono consegnare a Mazzarri un difensore di qualità per poter continuare a recitare un ruolo di primo piano sia in Italia sia in Europa. E Peluso, assieme a pochi altri, in questo momento è l’elemento che offre più garanzie.
 
GIA’ DUE COLPI Per il futuro arrivano conferme su due colpi che i funzionari bianconeri hanno messo a segno per la prossima stagione: tra poco più di un mese Llorente potrebbe già firmare, come da regolamento, il nuovo contratto con la Juventus. E anche Bocchetti , il cui rapporto con il Rubin scade nel dicembre del 2013, a giugno potrebbe trasferirsi a Torino per un milione di euro. Nella peggiore delle ipotesi gratis a dicembre.


Il giovane regista avrebbe preferito giocare con più continuità in un altro club, Conte però crede nelle sue qualità.
Marrone piace a molti, ma rimane. Ancelotti ripensa a Lichtsteiner.
Luca Marrone piace a tutti. Proprio a tutti. Alla Juventus stanno arrivando numerose proposte di prestito: Atalanta, Bologna, Palermo, Sampdoria, Genoa. Queste le squadrte scoperte sino ad oggi ma, probabilmente, ce ne sono altre. Il ragazzo, cresciuto nel settore giovanile della Juventus, viene impiegato poco da Conte ma quelle poche volte che scende in campo fa sempre bene. Qualche tempo fa ha chiesto di essere ceduto in prestito in qualche club per poter giocare con più continuità e mettere in evidenza le sue qualità. In un primo tempo la società sembrava orientata a soddisfarlo per poi riportarlo a casa la prossima stagione ma Antonio Conte ha posto il veto. Il tecnico crede nelle qualità del giovane e gli ha parlato a lungo facendogli capire l’importanza di restare a Torino. C’è uno scudetto da rivincere, una Champions League da onorare sino alla fine e possibilmente vincerla e una Coppa Italia da non sottovalutare visto che ci sarà lo scontro diretto con il Milan. Ha garantito a Marrone che ci sarà spazio e gloria anche per lui visto che la stagione è lunga. Spiegandogli, tra l’altro, che è meglio giocare meno in un grande club come quello bianconero piuttosto che fare il titolare in una formazione che lotta per salvarsi. Meglio un’apparizione in Champions che tutto il resto. Fatto sta che alla fine lo ha convinto e Marrone resterà in bianconero. Intanto il Paris Saint Germain è tornato alla carica per Lichtsteiner : la Juventus per darlo via chiede dieci milioni mentre i francesi sono fermi a quota sette-otto. Ci sono, comunque, margini di avvicinamento.