8
Breve storia triste. Più da piangere che da ridere. È il retroscena svelato stamani dal supplemento sportivo del Correio da Manhâ, quotidiano portoghese. In prima pagina viene dato notizia che qualche anno fa il Benfica avrebbe rifiutato di acquisire un giovane attaccante del Monaco di nome Kylian Mbappé.

È successo nell'estate del 2015, nel quadro di un affare fra la società lusitana e quella monegasca di cui a suo tempo Calciomercato.com riferì (QUI). In quella circostanza il Monaco acquisì tre calciatori dalla cantera benfiquista: Bernardo Silva, João Cancelo e Ivan Cavaleiro. Un tris che ha mantenuto in misura diversa le promesse di carriera: ottimo Bernardo Silva, buono João Cancelo, nulla di che Ivan Cavaleiro.

Il retroscena riferito stamani dice che, nel corso delle trattative per il trasferimento dei tre, la società monegasca avrebbe provato a alleggerire l'esborso in denaro inserendo la giovane promessa del suo settore giovanile. In particolare, il diciassettenne Mbappé è stato proposto a parziale conguaglio per l'acquisizione di Ivan Cavaleiro. A quel punto il Benfica avrebbe scelto di far compiere una valutazione a João Tralhão, tecnico delle giovanili benfiquiste. E costui, nella relazione presentata alla direzione del Benfica, ha giudicato il ragazzino non all'altezza del club encarnado, aggiungendo che a suo parere Ivan Cavaleiro fosse molto più forte.
Due stagioni dopo il Monaco avrebbe ceduto Mbappé al Paris Saint Germain per 180 milioni di euro. Ivan Cavaleiro vivacchia attualmente nel Fulham, serie B inglese. Quanto a Tralhão, dopo un'esperienza sulla panchina della Vilafranquense è a spasso.

Fine della breve storia triste.