29
"La prima maglia che ho avuto? Quella di Roberto Baggio, era l'idolo di mio papà". Parole e musica del direttore d'orchestra dell'Inter, quel Christian Eriksen che è riuscito a prendere per mano la squadra di Conte quando ormai il tempo sembrava scaduto, tra incomprensioni tattiche e rumors di mercato. Una frase che ci fa capire chi era, ovviamente, il Divin Codino, cos'era l'Italia, cos'era la Serie A

La prima maglia non si scorda mai. Così come il primo idolo. E le stelle che brillano in giro per il mondo, sono state ispirate da quei fuoriclasse che abitavano la Serie A negli anni d'oro del nostro calcio, quando c'era un campione per squadra, quando c'erano le 7 sorelle, quando l'Europa era il terreno di caccia preferito per le italiane, quando squadre come Vicenza e Cagliari mettevano paura in giro per il continente. E così Baggio-Eriksen, e così Lukaku-Adriano, e così Leao-Kakà... e tanti, tantissimi altri. Anche un attuale superstar mondiale guardava la nostra Serie A. 


Bobo Vieri, ex Atalanta, Juve, Lazio, Inter, Milan e Fiorentina tra le altre, è l'idolo dell'attuale Scarpa d'Oro, Ciro Immobile.